Una suggestiva fiaccolata sulla pista e fuochi d’artificio “liberatori”. A Capracotta è stata festeggiata con grande entusiasmo la riapertura degli impianti di risalita di Monte Capraro. Una gioia più che giustificata: per tre anni qui non è stato possibile sciare a causa di problemi legati alla manutenzione e a una serie di intoppi burocratici. Il danno per imprenditori e dipendenti del settore turistico è stato notevole. Ma ora è tempo di mettersi alle spalle tutto questo e recuperare il tempo perduto, ha detto il sindaco Monaco durante un incontro con la stampa: “I danni sono stati notevoli – ha detto il primo cittadino di Capracotta -: l’ultimo anno in cui gli impianti sono rimasti aperti sono stati staccati diecimila biglietti, moltiplicato per i tre anni di chiusura fanno trentamila persone in meno, oltre a quelle che accompagnano gli sciatori”. Negli ultimi mesi Funivie Molise ha dato il massimo per assicurare la riapertura degli impianti di risalita di Capracotta. “Ma questo risultato – ha detto l’amministratore Caruso – deve essere considerato come un punto di partenza, non di arrivo. Siamo già in contatto con diversi tour operator per portare sulle nostre montagne turisti provenienti soprattutto da fuori regione”.

Potrebbe interessanti anche:

Assemblea Diocesana, ad Agnone la relazione sul Sinodo della Chiesa

Si terrà questo pomeriggio ad Agnone, alle ore 17 presso al Chiesa SS Maria di Costantinop…