Un pubblico competente, attento e numeroso quello che ha partecipato al convegno sul disagio giovanile organizzato dall’amministrazione comunale di Castel San Vincenzo, con la collaborazione dell’associazione Auto Aiuto e Dintorni e del gruppo di operatori di Pianeta Giovani che da cinque anni si occupano del funzionamento del Centro di Aggregazione Giovanile “Il Colle”. Proprio l’esperienza fatta all’interno del CAG è stata oggetto di discussione ed approfondimento svolto grazie agli interventi delle psicologhe Alessandra Catullo e Laura Pannunzio, coordinate dal responsabile del progetto, il sociologo Palmerino Capaldi del SERT di Isernia. Un lavoro, quello svolto nel CAG di Castel San Vincenzo, che ha dato ottimi risultati, tanto da farlo prendere a modello e a creare le condizioni perché tale esperienza possa essere esportata in altre realtà locali. Ecco, quindi, la presenza dei sindaci di Filignano, Romeo Pacitti, e Pietrabbondante, Giovanni Tesone. Quest’ultimo, in particolare, si è detto pronto da subito ad adoperarsi perché anche nel comune del Molise Altissimo possa realizzarsi il progetto Centro di Aggregazione Giovanile. A rafforzare il concetto di buona prassi da esportare in altri comuni, l’intervento del presidente dell’ANCI Molise Pompilio Sciulli, sindaco di Pescopennataro, che ha evidenziato l’importanza che queste strutture rivestono in chiave di veicolo di socializzazione, formazione ed informazione per i più giovani. Sciulli ha anche affermato di voler coinvolgere tutti i comuni del Molise al fine di creare le condizioni affinché possano nascere più CAG possibile. Naturalmente, ampiamente soddisfatta si è detta l’amministrazione comunale di Castel San Vincenzo presente con tutto il suo stato maggiore. Gli assessori Notardonato, Margiotta e Rotini, assieme al sindaco Di Cicco, hanno plaudito al lavoro finora svolto dagli operatori coordinati dal dott. Capaldi, confermando di voler procedere sulla strada intrapresa ed annunciando che dal prossimo anno dovrebbero esserci, Regione Molise permettendo, ulteriori attività. “Si sta, infatti, pensando di realizzare una newsletter del CAG – ha detto l’assessore comunale ai servizi sociali, Stefania Rotini – attraverso cui dare ulteriore voce alle attività svolte dai ragazzi che frequentano il Centro”.

Potrebbe interessanti anche:

Rievocazione storica ad Agnone: tornano le lavandaie dei lavatoi

Ad Agnone arriva una nuova rievocazione storica. Il Comitato di Quartiere “Agnone Ce…