Home Attualità Scapoli, il Comune azzera gli aumenti della Tares
Attualità - QD - Regione - 30 Novembre 2013

Scapoli, il Comune azzera gli aumenti della Tares

‘Amministrazione Comunale di Scapoli continua con le iniziative a tutela dei cittadini Scapolesi contro l’aumento delle tasse. Nell’ultimo Consiglio Comunale in cui è stato approvato il bilancio previsionale 2013, l’Amministrazione comunale guidata da Renato Sparacino piazza un ulteriore colpo a tutela delle tasche dei propri cittadini. Sfruttando un comma della recente legge n. 124/2013, il Consiglio comunale, con l’astensione del gruppo di minoranza, ha deciso di non introdurre la nuova tassa TARES con i suoi aumenti vertiginosi e ha lasciato in vigore la vecchia TARSU con le stesse tariffe in vigore nell’anno 2012. Nei prossimi giorni quindi, verrà recapitato ai cittadini di Scapoli il bollettino con lo stesso importo pagato l’anno scorso, con la sola quota di maggiorazione di 0,30 €/mq destinata totalmente alle casse dello Stato. “E’ sicuramente un grande successo in questo periodo così duro per tutti. I calcoli riguardanti l’introduzione della nuova TARES elaborate dal nostro Ufficio Finanziario del Rag. Domenico Massaro nei mesi scorsi ci avevano fatto davvero rabbrividire – dichiara Renato Sparacino. Si parlava di aumenti medi del 100% rispetto agli importi del 2012 con picchi di circa il 200% per le attività produttive, soprattutto per bar e ristoranti. Sarebbe stato davvero il colpo finale per l’economia del nostro piccolo paese che continua a resistere alla crisi e all’aumento quotidiano delle tasse. Alla fine però siamo riusciti ancora una volta a trovare una soluzione a tutela dei cittadini Scapolesi sfruttando una legge approvata di recente dal Parlamento. Continua, quindi, la nostra azione di mantenimento al minimo delle tasse e di riduzione delle spese per far fronte agli ormai insostenibili tagli dei trasferimenti da parte dello Stato”. Nella stessa seduta del Consiglio Comunale si è deliberato anche di lasciare invariate e al minimo le aliquote dell’addizionale comunale IRPEF e I.M.U. “E’ un dato di fatto che chi abita a Scapoli paga meno tasse. Rispetto alla maggioranza dei Comuni italiani che hanno deciso di aumentarle, noi da sempre abbiamo operato scelte in decisa controtendenza. Con mille sacrifici, cerchiamo di far pesare il meno possibile le tasse sui cittadini e sulle attività produttive, cercando comunque di offrire tutti i servizi essenziali di buon livello” – conclude il Sindaco. Altra importante decisione presa dal Consiglio Comunale è stata l’approvazione del Regolamento Comunale per il rilascio del marchio “De.C.O.” alle attività produttive che producono e commercializzano il Raviolo Scapolese e che adesso potrà essere richiesto presso gli Uffici comunali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Sessano. La “Serena Senectus” dona defibrillatore al Pronto Soccorso di Isernia

Gesto di vicinanza socio/umanitaria a chi sta lottando nel presente momento di difficoltà …