Gli uomini del Comando stazione Forestale di Roccomandolfi, con il supporto del Nucleo Investigativo per i reati ambientali del Corpo Forestale di Isernia, hanno proceduto, nel territorio di Cantalupo nel Sannio, nei pressi del depuratore comunale, al sequestro penale di un’area trasformata in una vera e propria discarica abusiva. Durante l’ordinario controllo del territorio i forestali hanno notato la presenza di rifiuti di vario genere, come paraurti di automobili, carcasse di frigoriferi, pneumatici dismessi, nonché diverse decine di taniche in plastica. da queste gli agenti sono riusciti a risalire all’identità del presunto responsabile dell’abbandono di una parte dei rifiuti presenti nell’area. L’uomo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di abbandono incontrollato di rifiuti speciali pericolosi compiuto da titolari di imprese. Il titolare dell’attività, anziché affidarsi alle ditte abilitate per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, se ne disfaceva illegalmente abbandonandoli direttamente o per mezzo di terzi, abbattendo così anche i costi di gestione dell’attività imprenditoriale. La posizione del presunto responsabile è resa ancora più grave dalla circostanza che le taniche avevano contenuto sostanze chimiche, pericolose per la salute umana e per l’ambiente. Le stesse pertanto dovevano essere obbligatoriamente smaltite o recuperate in osservanza delle prescrizioni normative in materia di rifiuti speciali pericolosi. L’area è stata posta sotto sequestro ed affidata in custodia al Sindaco del Comune di Cantalupo nel Sannio.

Potrebbe interessanti anche:

Moving ad Agnone, i professori dell’Unimol presentano i risultati della ricerca sulla filiera lattiero-casearia

Domani, 29 maggio 2022, presso la sede del Comune di Agnone, nell’ambito del progetto Hori…