Egregio Direttore
Con la presente chiedo di poter esercitare, secondo quanto previsto dalla legge, il diritto di replica anche a rettifica e precisazione rispetto a quanto affermato dagli avvocati Ruta e Romano in un articolo del 31 agosto apparso sulla vostra rivista telematica in merito alla decisione del Tar Molise del 29 agosto che ha sospeso gli effetti dell’ordinanza del sindaco del Comune di Campobasso con la quale è stato interdetto agli esercenti di alcune strade del centro storico di produrre immissioni sonore oltre le ore 24.
IPrima di ogni cosa va precisato che chi ha vinto qualcosa processualmente sono i commercianti che tramite i loro avvocati hanno censurato un provvedimento del sindaco  allo stato inesistente perché sospeso dal TAR.
Quindi nessuna vittoria di “Pirro”bensì giustizia e legalità dalla parte dei commercianti.
Di conseguenza nessun vanto e compiacimento dovrebbero mostrare coloro che hanno fortemente sostenuto il provvedimento del sindaco  pesantemente censurato dal TAR.
Infine inviterei i colleghi a rispettare le decisioni del TAR quelle vere anziché tentare di enfatizzare meri provvedimenti interlocutori, privi di effetti decisori e comunque superati dalla decisione ultima in favore dei commercianti.
Oggi c’e’ una sola certezza che ha superato ogni tentativo strumentale e propagandistico ed è la decisione del TAR Molise che ha abbattuto l’ordinanza del sindaco dando ragione ai commercianti assistiti dagli avvocati Vincenzo Iacovino e Vincenzo Fiorini e dando torto al Comune assistito dall’avvocato interno. Perdenti sono risultati anche i cittadini e il CODACONS assistiti e difesi dagli Avv.ti Ruta, Zezza e Romano.
Ultimissima annotazione
I professionisti di professione rispettano i provvedimenti giudiziari, quelli veri, riservandosi una sola possibilità che e’ costituita da eventuali appelli.
Gli avvocati usualmente si confrontano in Tribunale e ad oggi ci sono dei vincitori che vanno rispettati.
Affermare cose diverse vuol dire violare le regole deontologiche, ma soprattutto non prendere atto che l’unica vera decisione del Tar in questa vicenda e quella adottata ieri in favore dei commercianti.
Meraviglia che avvocati stimati tentino di strumentalizzare provvedimenti giudiziari e amministrativi inesistenti.
Adesso agiremo per i danni con buona pace di tutte le controparti compresi i loro avvocati ricordando che i danni che il comune certamente pagherà graveranno sulle tasche dei cittadini.
Noi abbiamo vinto una battaglia giudiziaria e di legalità.
I perdenti se ne facciano una ragione.
Le vittorie di “Pirro”sono quelle dei politici che vogliono trasformare le cause giudiziarie in propaganda elettorale a spese dei cittadini.
Sperando di aver chiarito definitivamente chi è vincitore e chi è perdente in questa battaglia giudiziaria saluto cordialmente
Avv. Vincenzo Iacovino.

Potrebbe interessanti anche:

Stellantis, Federico: “Serve road-map chiara per Gigafactory a Termoli e rilancio filiera e-car”

“La visita allo stabilimento di Termoli dell’amministratore delegato di Stellantis, Carlos…