Home Apertura Ricostruzione post-sisma, Iorio: preoccupato per l’annunciata nuova legge regionale
Apertura - Attualità - Politica - QD - 31 Agosto 2013

Ricostruzione post-sisma, Iorio: preoccupato per l’annunciata nuova legge regionale

Sul tema della ricostruzione il dibattito resta ancora apertissimo. Michele Iorio ricorda con orgoglio i risultati raggiunti quando era alla guida della Regione grazie anche al sostegno del governo Berlusconi.

L’ex presidente della Regione, Michele Iorio interviene sulla ricostruzione post-terremoto. Lo fa subito dopo l’intervento dell’attuale governatore, Paolo Frattura. Iorio si dice pronto a fare chiarezza, fino in fondo, su un argomento complesso ed estremamente delicato ma al tempo stesso invita il presidente della Giunta regionale a far valere le ragioni del Molise presso il Governo. «Il grande successo ottenuto dal nostro governo regionale, durante la presidenza di Silvio Berlusconi e il ministero di Raffaele Fitto, è stato quello di aver ottenuto 346 milioni di euro per il completamento della ricostruzione post sisma in Molise – ricorda con orgoglio l’ex presidente. – Sono contento che finalmente anche Frattura se ne sia accorto. Il lungo lavoro svolto per poter organizzare il passaggio dallo stato di emergenza allo svolgimento delle procedure ordinarie ci ha visti impegnati a costituire l’Agenzia di Protezione Civile nel Molise. In perfetta intesa con il governo nazionale – precisa – noi abbiamo messo in campo una serie di atti amministrativi e regolamenti che potessero garantire la continuità dei lavori di ricostruzione. Oggi – denuncia l’ex presidente – ci troviamo, dopo 6 mesi, ad assistere a un blocco pressoché totale della stessa attività. Quando si amministra la cosa pubblica in funzione dell’interesse generale, la prima cosa da fare è quella di assicurare la continuità invece che prefigurare stravolgimenti e cambiamenti senza traguardi certi. E non si tratta di scelte di destra o di sinistra, ma solo e soltanto di garantire la funzionalità della macchina amministrativa, oggi gravemente lesa dagli atti predisposti dal governo Frattura. Mi preoccupa e non poco – prosegue – l’annunciata legge regionale che dovrebbe di nuovo modificare le procedure in atto per la ricostruzione, anche e soprattutto perché non se ne conoscono i tempi di attuazione. A proposito dei finanziamenti che noi abbiamo ottenuto, occorre assolutamente che il governo regionale alzi la voce nei confronti di quello nazionale, affinché il Molise ottenga quello che altre regioni hanno già ottenuto: la possibilità di spendere l’intero finanziamento (346 milioni) al di fuori del vincolo del patto di stabilità», conclude Michele Iorio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Torna la mela di Aism a Trivento e nei comuni del territorio

Torna la mela di Aism a Trivento e nei comuni del territorio. A farlo sapere è il responsa…