Home Apertura Centro storico, riparte la movida. I gestori dei pub pronti a chiedere il conto al Comune di Campobasso
Apertura - Attualità - Evidenza - QD - 31 Agosto 2013

Centro storico, riparte la movida. I gestori dei pub pronti a chiedere il conto al Comune di Campobasso

di Anna Maria Di Matteo

I gestori dei pub del centro storico tirano un sospiro di sollievo: il tar ha sospeso gli effetti dell’ordinanza antirumore del sindaco di Campobasso e dunque la movida può riprendere anche se per questo ultimo scorcio di estate. Una prima vittoria, in attesa dell’udienza di merito, fissata per il 3 luglio 2014. I ricorrenti, rappresentati dagli avvocati Iacovino e Fiorilli tuttavia tengono il profilo basso, evitando i facili trionfalismi. Il problema della convivenza pacifica tra i gestori dei locali notturni ed i residenti c’è e resta. E dunque va trovata una soluzione per contemperare le esigenze delle parti interessate. L’avvocato Iacovino propone l’apertura di un tavolo di confronto attorno al quale siedano gli amministratori comunali, i residenti e gli operatori commerciali. Ma non mancano le polemiche. I legali contestano l’atteggiamento assunto dal sindaco, preannunciando richiesta di risarcimento del danno al Comune. Secondo il presidente dell’Apem, Santangelo, dall’entrata in vogore dell’ordinanza, si sarebbe verificata una riduzione del 50% degli incassi.

Intanto, anche Pino Ruta e Massimo Romano, legali del Codacons e dei residenti del centro storico, sono intervenuti sulla sospensiva del Tar. «E’ una vittoria di Pirro – hanno detto – perché, finita l’estate, l’inquinamento acustico diminuisce notevolmente. Oltre la mezzanotte – hanno aggiunto – il divieto rimane grazie al regolamento comunale in vigore. In ogni caso, il diritto dei cittadini  alla quiete e al silenzio è stato pienamente soddisfatto grazie alla vittoria ottenuta a fine luglio i cui effetti si sono protratti per tutto il mese di agosto. Sarebbe auspicabile in futuro – hanno concluso Ruta e Romano – che l’amministrazione agisse in modo più adeguato e meno superficiale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Controlli massicci della Polizia per contrastare l’uso dei telefonini alla guida

È ormai noto e documentato che la distrazione causata dall’uso dei telefoni cellulari alla…