Home Apertura Ricostruzione, Frattura: predisposto primo pacchetto di interventi per 90,5 milioni di euro
Apertura - Attualità - Evidenza - Politica - QD - 30 Agosto 2013

Ricostruzione, Frattura: predisposto primo pacchetto di interventi per 90,5 milioni di euro

Ricostruzione post sisma con risorse, atti e tempi regolari, certi e definiti. 90,5 milioni di euro sono stati destinati a un primo pacchetto di interventi, comprendenti schede intervento, schede progetto, relazione tecnica e piano finanziario relativi agli accordi di programma quadro da stipulare per gli immobili privati di classe A.

Ricostruzione post sisma con risorse, atti e tempi regolari, certi e definiti. 90,5 milioni di euro sono stati destinati a un primo pacchetto di interventi, comprendenti schede intervento, schede progetto, relazione tecnica e piano finanziario relativi agli accordi di programma quadro da stipulare per gli immobili privati di classe A. Contestualmente l’Agenzia regionale di protezione civile, guidata dall’ingegnere Riccardo Tamburro, ha avviato le procedure di liquidazione di circa 5 milioni di euro per le pratiche rispondenti ai parametri fissati nella delibera di giunta regionale 408/2013. I cantieri possono ripartire.

“La nostra ricostruzione post sisma prende forma lungo quel percorso di confronto e condivisione che abbiamo avviato sul territorio”. Il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, commenta così i nuovi traguardi.

“Attraverso la costituzione di un gruppo di lavoro per le attività di verifica e controllo dei fascicoli degli interventi – spiega il governatore –, stiamo procedendo a predisporre nel più breve tempo possibile, e comunque entro e non oltre il prossimo mese di dicembre, tutta la documentazione necessaria per la sottoscrizione dei primi accordi di programma quadro previsti dalla delibera Cipe 62/2011. Già il prossimo martedì – annuncia Frattura –, il nostro gruppo, composto da qualificati funzionari regionali, si riunirà per avviare i lavori. Si tratta di un’attività di stretta collaborazione per il monitoraggio delle schede già affidato alla nostra Agenzia di protezione civile”.

“Andiamo avanti con convinzione e determinazione nel pieno rispetto delle regole per assicurare a tutti i nostri cittadini purtroppo ancora senza casa il ritorno in tempi certi nelle loro abitazioni distrutte dal terremoto del 2002, nella convinzione di dover andare ben oltre il semplice recupero edilizio. La ripresa sociale, economica e occupazionale di tutti i nostri centri colpiti dal sisma sarà parallela e contestuale all’opera di ricostruzione. Questo per noi – evidenzia il presidente –, significa ricostruire. Con il consigliere regionale delegato alla ricostruzione, Salvatore Ciocca, intanto stiamo predisponendo una nuova legge per trasformare l’Agenzia”.

“Per questi primi e importantissimi risultati concreti – aggiunge ancora il presidente –,  un grazie particolare va all’ingegnere Riccardo Tamburro, che, come direttore pro tempore dell’Arpc, ha dato ancora una volta alta prova di serietà, professionalità e competenza. Senza il lavoro, l’impegno e la costanza che l’ingegnere Tamburro in questi ultimi mesi ha profuso nel delicato e complesso ruolo affidatogli, tutto questo non sarebbe stato possibile in tempi così rapidi e con tanto rigore”, conclude Paolo Frattura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Bojano – Una quindicina di alunni positivi, il sindaco Ruscetta chiude l’istituto comprensivo

Il dato nuovo, decisamente allarmante, arriva da Bojano, dove nelle ultime ore sono risult…