Il parco turistico era destinato a diventare il fiore all’occhiello di Castelpizzuto. Avrebbe sicuramente migliorato l’offerta di un’area che fa del patrimonio ambientale e storico il suo punto di forza. Ma tanto per cambiare questo notevole dispendio di risorse pubblico si è tradotto nell’ennesimo spreco. Il degrado e l’abbandono sono gli unici clienti di questa struttura. Ma ora le cose potrebbero cambiare. L’amministrazione comunale è infatti intenzionata a rispolverare questo progetto. Lo ha assicurato il sindaco, Fortunato Di Santo, che in tal senso chiederà anche il sostegno della neonata Unione “Volturno Matesina”, costituita di recente dai comuni di Longano, Monteroduni, Sant’Agapito e per l’appunto Castelpizzuto. Il primo cittadino pensa inoltre alla realizzazione di nuovi alloggi, una sorta di “paese albergo”. Che diventerebbe più appetibile proprio grazie all’attivazione del centro turistico, potenzialmente in grado di offrire tutto ciò che cercano gli amanti dello sport e del relax. C’è la piscina, ci sono campi di tennis e calcetto, minigolf e quant’altro. Buttare all’aria una struttura del genere sarebbe davvero un peccato. Qualche anno fa un giovane imprenditore tentò di recuperarla, ma non trovò terreno fertile intorno a sé. Ora vuol (ri)provarci il Comune: che sia la volta buona?

Potrebbe interessanti anche:

Covid, 10 positivi e un nuovo ricovero al Cardarelli. Ci sono anche 11 persone guarite

Dieci nuovi contagi ed un nuovo ricovero in Malattie infettive. Sono i dati dell’ultimo bo…