La scadenza del 3 aprile si avvicina, ma le candidature alle primarie del centrosinistra in vista delle Comunali di Isernia sono ancora in alto mare. Nelle sedi dei partiti e dei movimenti si discute, ma per ora l’unico candidato certo è Giovanni Muccio, responsabile del movimento del Guerriero sannita. Bocce ferme nel Partito democratico, anche se negli ultimi giorni circolano un paio di nomi: in pole position c’è sempre Carlo Veneziale, ma nel partito si discute anche di un possibile coinvolgimento di Luigi Brasiello. Il presidente della Camera di commercio riscuoterebbe anche il gradimento di Rialzati Molise, ma il movimento di Mario Pietracupa non scarta l’ipotesi di presentare un proprio candidato, ossia l’ex consigliere regionale Enzo Bizzarro, già assessore a Palazzo San Francesco. Discussione ancora aperta nell’Italia dei valori, ma al momento il favorito sembra essere Franco Capone. Anche lui è una vecchia conoscenza al Comune di Isernia. Nelle prossime ore è prevista anche un riunione di Sinistra ecologia e libertà, ma per decidere il circolo aspetterà fino all’ultimo. L’auspicio è che si trovi una candidatura condivisa e credibile sulla quale convergere, in linea con la proposta politica del partito di Vendola. In caso contrario si potrebbe puntare su Bice Antonelli. Anche il Partito socialista e Comunisti italiani preferiscono aspettare le mosse dei partiti più grandi prima di prendere decisioni. Ed è in stand by anche l’Udeur, anche se non è affatto escluso che il partito di Mastella si presenti con un proprio candidato. In ogni caso non è da escludere una mossa a sorpresa dell’ultima ora, come accaduto l’anno scorso, quando la candidatura di Ugo De Vivo mise tutti d’accordo, rendendo inutili le primarie.

Potrebbe interessanti anche:

Alloggi di edilizia residenziale pubblica, il Comune di Trivento pubblica il bando

Alloggi di edilizia residenziale pubblica, il Comune di Trivento pubblica il bando. L’ammi…