Home Regione Parte la petizione popolare per spegnere l’autovelox di Macchia d’Isernia
Regione - 27 Marzo 2013

Parte la petizione popolare per spegnere l’autovelox di Macchia d’Isernia

È partita la raccolta di firme per chiedere la disattivazione dell’autovelox installato dal Comune di Macchia d’Isernia sulla statale 17, all’altezza del nucleo industriale. L’iniziativa è promossa dal comitato Pro Trignina e dal sindacato Csa/Fiadel. “I moduli per la raccolta – spiegano Antonio Turdò e Feliciantonio Di Schiavi – saranno presenti in diversibar sia nella città di Isernia, sia dei paesi limitrofi (Macchia e dintorni), sia nella Valle del Trigno, sia nella zona Cassino e Napoli, cioè sarà estesa a diversi punti d’Italia Meridionale specificatamente nelle Regioni Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata e Lazio”. I comitati hanno anche proposto un’alternativa all’autovelox al Comune di Macchia d’Isernia: “Le soluzioni – si legge in una nota – sono diverse e variegate, in primis la rotatoria a mezzo della quale si sarebbe ridotta la velocità dei veicoli, si sarebbe consentito l’accesso al Nucleo Industriale, la zona si sarebbe abbellita ed i cittadini non sarebbero stati colpiti. Ma il Sindaco di Macchia, come noi prevedevamo, ha bocciato la nostra proposta e continua a sostenere che ha messo l’autovelox non per fare soldi. Se i cittadini firmeranno la nostra petizioen popolare, al termine della raccolta invieremo tutto al Ministero dell’Interno e alle altre autorità istituzionali. Noi facciamo tutto questo – concludono Turdò e Di Schiavi – perché siamo dalla parte dei cittadini e non vogliamo che i nostri governanti locali e/o nazionali ogni giorno se ne inventano una per tartassarci”.


Potrebbe interessanti anche:

Leontina Lanciano, la storia dei bambini al tempo del Covid nel suo nuovo libro

‘Diario di una Pandemia – I minori al tempo del Covid’ . Questo il titolo del libro della …