Home QD Amanti morti nella pineta di Isernia, importanti novità dalle autopsie
QD - Regione - 4 Febbraio 2013

Amanti morti nella pineta di Isernia, importanti novità dalle autopsie

I funerali dei due amanti ritrovati nelle pineta di località Valle Soda si sono stati celebrati quasi contemporaneamente. Quelli di Giuseppe Del Riccio, 60 anni, si sono svolti a Macchia d’Isernia. Oltre ai familiari più stretti e ai compaesani, a rendergli l’ultimo saluto c’erano anche amici e parenti di Longano, il suo paese di origine. Mezz’ora più tardi, nella chiesa del quartiere San Lazzaro, a Isernia, la messa per la morte di Franca Iaciofano, 51 anni, residente da anni in città. Al termine della funzione la salma della donna è stata tumulata nel cimitero di Sant’Elena Sannita, suo paese di origine. Il nulla osta per i funerali da parte del sostituto procuratore Marco Gaeta, titolare dell’inchiesta, è arrivato al termine delle autopsie, eseguite all’obitorio del Veneziale dai medici legali Costantino Ciallella, della Sapienza di Roma, e da Pierluigi Bontempo, di Isernia. Ieri mattina, intanto, al comando provinciale dei carabinieri sono state effettuate le perizie sui vestiti delle due vittime, mentre sarà l’anatomopatologo Ciallella a stabilire se bisognerà effettuare anche una consulenza balistica. Dalle autopsie sono già emerse le prime importanti novità: la Iaciofano sarebbe stata colpita con un proiettile comune da caccia, sul fianco sinistro. La rosa dei pallini è ristretta; il colpo è stato dunque sparato da distanza ravvicinata. Del Riccio si sarebbe invece tolto la vita con un pallettone, di quelli usati per la caccia al cinghiale. I vari elementi raccolti finora non fanno altro che confermare la tesi dell’omicidio-suicidio, ma per archiviare definitivamente il caso occorre aspettare l’esito della prova dello stub. La risposta dei carabinieri del Ris di Roma dovrebbe arrivare tra una decina di giorni e dirà una volta per tutte se sia stato Del Riccio a sparare, oppure se è il caso di seguire altre piste. Per ora qualche dubbio residuo resta, mentre sul movente si possono fare solo ipotesi.

Potrebbe interessanti anche:

Messa in sicurezza del territorio, dal Governo un milione di euro per il Comune di Trivento

Messa in sicurezza del territorio, dal Governo un milione di euro per il Comune di Trivent…