Sempre più italiani a rischio povertà o esclusione sociale, in particolare tra le famiglie numerose e per chi vive al Sud. Il relativo indicatore sintetico “Europa 2020” – che due anni fa era stabile sul 26,3 per cento – nel 2011 ha sfiorato il 30 per cento (più esattamente il 29,9) segnando un nuovo record negativo in Europa.- È quanto emerge dal rapporto sulla coesione sociale stilato da Istat, Inps e ministero del Lavoro, in cui si sottolinea come la variazione di 3,3 punti percentuali sia la più elevata registrata nei Paesi del Vecchio Continente.

Leggi tutto su La Stampa

Potrebbe interessanti anche:

Covid: 143 nuovi positivi, un ricovero e 224 guariti

I dati Covid adesso con il bollettino dell’Asrem. Sono 143 i nuovi positivi riscontrati in…