11.6 C
Campobasso
domenica, Aprile 14, 2024

Come si svende un territorio, a proposito della turbogas di Presenzano

RegioneCome si svende un territorio, a proposito della turbogas di Presenzano

Il segretario regionale della UILBAC, Emilio Izzo, interviene sull’annosa questione della centrale a turbogas di Presenzano.

“A settembre del 2011 a parlare con due illustri sconosciuti della Edison del più e del meno”! Questo in sintesi quanto ricavato da un documento della minoranza comunale di Presenzano, comune del casertano, richiamato in aula dal gruppo di opposizione nella seduta del 30 ottobre 2012. Questo aspetto deve essere ben messo in evidenza: un sindaco, un eletto, il massimo rappresentante di una collettività, il difensore della democrazia comunitaria, il paladino di un territorio, la Giovanna d’Arco del paesaggio collettivo, lo scudo dei più deboli, il rappresentante del governo locale, il primo cittadino,….. in una giornata settembrina, invece che preoccuparsi dei suoi “protetti”, passa il suo tempo a fare due chiacchiere con due passanti, due turisti per caso, due disinteressati, due benefattori, due laici, due cattolici, due altruisti e lo fa, ovviamente, parlando “DEL PIU’ E DEL MENO”! Complimenti! Ma se queste due figure non meglio identificate, corrispondono ai lineamenti di emissari della Edison, la società più antica in Europa nel settore dell’energia e seconda in Italia come produttore di energia elettrica con il suo 15%, allora forse il discorso cambia. Cosa si saranno detti di “così più e così meno” durante la loro chiacchierata? Ebbene, a Presenzano e in tutti i comuni circostanti lo sanno anche i bambini, in quell’incontro si sono tracciate bene le linee di intervento da porre in essere per far decollare, su quel territorio già martoriato, l’ennesimo affronto all’ambiente, alla salute ed al paesaggio: IL MOSTRO-CENTRALE TURBOGAS! Almeno per il momento, purtroppo, lo sanno bene i bambini, non portatori di contributi da tenere in considerazione (almeno fino a quando non potranno votare) ma lo sanno bene e meglio anche i grandi i quali, consapevoli di rappresentare il nucleo portante dei consensi ascoltabili, per opportunità o per vigliaccheria tacciono. Almeno per il momento. Ma questa massa colpevolmente omertosa, silente ma non innocente, fra poco prenderà coraggio. Eccome, visto che le loro vergogne, coraggiosamente, le sta evidenziando la parte migliore di questa società malata, i giovani. Ebbene sì, mentre in altre parti della penisola i bamboccioni (odioso appellativo) ancora si fanno coccolare tra vere o presunte difficoltà, a Presenzano e nei comuni vicini, la battaglia la stanno affrontando proprio giovani ragazzi e ragazze. Vivaddio! E perché mai avrei dovuto fare un intervento sui danni derivanti da una centrale turbogas, sui suoi risvolti nefasti per la salute, sui suoi danni irreversibili all’ambiente, sulle modifiche indelebili al paesaggio, perché avrei dovuto, visto che ormai tutto ciò è chiaro, limpido ed evidente in modo inversamente proporzionale alle menzogne messe in giro dalle lobby e dai loro accoliti su quanto di positivo da esse dovremmo attenderci?! Banale e scontato, diversamente da come, né banale né scontato potevamo attenderci da un gruppo di giovani che al loro futuro e a quello degli altri ci tengono in modo non condizionato. Questa è la vera e bella novità. Bene, allora, animo e coraggio, usciamo dalle nostre case a dare una mano a queste future generazioni ancora libere da legacci e da interessi, accorriamo in loro soccorso per una loro giusta lotta e per una nostra presa di coscienza. Evitiamo a quel territorio l’ennesima offesa, liberiamo l’aria, respiriamola a pieni polmoni (centrale Enel permettendo), difendiamo i campi e la povera economia di quella zona, riaffermiamo il nostro diritto-dovere al godimento dei suoli, dell’acqua del vivere sano e del rispetto di noi stessi, diamo la parvenza di essere interessati a chi verrà dopo di noi, così facendo potremmo dire di aver fatto qualcosina di utile a giustificare il nostro percorso terreno. Possiamo iniziare da subito. Sabato o domenica prossima (un comunicato del Comitato Promotore ci informerà sulla data), alle ore 15, davanti all’abitazione del primo cittadino (!) di Presenzano (CE), si terrà una conferenza stampa-sit intesa ad illustrare i motivi, e ancor più le prossime iniziative, che i promotori e i cittadini tutti metteranno in campo per scongiurare quanto stabilito da un gruppetto di affaristi allorquando si sono visti (non visti) per parlare “del più e del meno”!

Ultime Notizie