17 C
Campobasso
sabato, Aprile 13, 2024

Giovani di Confindustria contro il governo

FocusGiovani di Confindustria contro il governo

Duro il presidente degli industriali Jacopo Morelli che chiede il taglio immediato delle tasse: “La pressione fiscale è diventata confisca”. Monti: “Fatto scelte difficili per il futuro del Paese”. La replica: “Governo tratta cittadini come cavie”. Istat: sale la fiducia delle imprese. Il “peso” della pressione fiscale è “cresciuto così tanto da diventare una confisca”: quella “ufficiale toccherà nel 2012 il 45% del Pil”, l’onere sulle imprese “sarà superiore al 68%”. Di più: “Perdiamo duemila occupati al giorno. La base industriale si è contratta del 20%”. Il presidente dei giovani di Confindustria, Jacopo Morelli, dal palco del XXVII convegno di Capri punta il dito sulla “poca crescita” ed “il molto rigore”. E “se chiudono le imprese dei giovani, il Paese brucia il futuro, le speranze, il dinamismo”: bisogna “creare nuove occasioni di lavoro, dare ossigeno alle imprese”. E a chi si candida per governare l’Italia, Morelli, chiede”cosa intenderà fare per i giovani che non hanno lavoro e non riescono a rendersi indipendenti”.

Monti. Il presidente del Consiglio dei ministri Mario Monti, con un messaggio, ha rivendicato il lavoro dell’esecutivo: “L’Italia ha fatto in questi mesi scelte difficili e introdotto riforme importanti in modo da voltare pagina” su  un passato “di bassa crescita ed elevato debito”, ma un “successo” – avverte – è possibile “solo dentro una azione comune a livello europeo”. Secondo il premier “è essenziale che le giovani generazioni, e tra esse i giovani che si trovano in prima linea nel fare impresa e creare nuove opportunità, sentano l’Unione europea come orizzonte irrinunciabile per la loro azione e si impegnino direttamente a progettarne il futuro”.

Leggi tutto su Repubblica

Ultime Notizie