9.7 C
Campobasso
sabato, Aprile 20, 2024

Taglio delle Province, nessuna deroga per quella di Isernia

QDTaglio delle Province, nessuna deroga per quella di Isernia

Nessuna deroga per la provincia di Isernia. Insieme ad altre 35 sarà accorpata. I suoi organi, come quelli della provincia di Campobasso, resteranno in carica fino al giugno 2013, poi arriverà un commissario per entrambe che, quasi certamente coinciderà con gli attuali presidenti: De Matteis e Mazzuto.

Il decreto legge sul riordino delle province delle regioni a statuto ordinario, come il Molise, approderà al Consiglio dei Ministri nei primi giorni di novembre. Il ministro della Funzione Pubblica, Patroni Griffi, lo ha chiarito in un’intervista al Corriere della Sera.

Per il Molise è prevista un’unica provincia, dal nome Campobasso-Isernia. I suoi organi saranno eletti non dai cittadini ma dai consigli comunali dell’ambito territoriale. In sostanza, ci sarà un unico ente provinciale che dovrà occuparsi dell’intero territorio regionale con competenze molto limitate.

Il grosso, infatti, ritorna nelle mani dell’ente regione.

Un deciso passo all’indietro rispetto al passato. Mentre il Molise si sta organizzando per far fronte alla nuova geografia istituzionale, da segnalare che la Basilicata ha già stabilito che la sede della Regione resterà a Potenza, mentre quella dell’unica provincia andrà a Matera.

Stesso discorso anche per Modena-Reggio Emilia e Chieti-Pescara. Anche qui gli uffici saranno divisi equamente tra le due coppie di città. Il Molise, quindi, dovrà prepararsi a gestire un nuovo assetto che, però, dovrà decidere da solo. Tutto è possibile, ha detto Patroni Griffi, ma il risultato non deve cambiare.

Ragion per cui il Molise avrà un’unica provincia, non resta che mettersi d’accordo su dove andrà e dove saranno ubicati i suoi uffici, perchè è chiaro che una sede, come quella di via Berta, a Isernia, non potrà restare vuota.

Infine da segnalare l’emendamento che si sta preparando al decreto. Le province di Belluno e Sondrio verrebbero salvate in quanto province ad esclusivo territorio montano. Potrebbe rientrare anche Isernia in questa eccezione?

La domanda va posta alla nostra rappresentanza parlamentare che speriamo se ne faccia carico. (edg)

Ultime Notizie