12.5 C
Campobasso
sabato, Aprile 13, 2024

Iorio a Bruxelles per parlare della “Strategia Adriatico-Ionica”

RegioneIorio a Bruxelles per parlare della “Strategia Adriatico-Ionica”

Il Presidente dell’Euroregione Adriatica, Michele Iorio, ha partecipato, in mattinata, a Bruxelles, nella Sala conferenza della sede del Monte dei Paschi di Siena, all’incontro, organizzato dalla Regione Abruzzo, sulla “Strategia Adriatico-Ionica”. L’incontro si tiene nell’ambito degli Open Days 2012.

Ha aperto i lavori il Presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi e sono intervenuti, insieme al Presidente Iorio, il Commissario europeo per gli Affari marittimi, Maria Damanaki, il Sottosegretario agli Affari esteri italiano, Marta Dassù, l’Ambasciatore permanente dell’Italia presso la UE, Ferdinando Nelli Feroci, il Presidente della Regione Marche, Gianmario Spacca e vari esponenti delle Regioni che affacciano sul Bacino Adriatico appartenenti alla Croazia alla Slovenia alla Grecia e all’Albania. Il Presidente Iorio ha sottolineato nel suo intervento il lavoro svolto in questi anni dall’Euroregione Adriatica teso a creare stimolo, dibattito e volontà tra i vari livelli istituzionali per giungere ad una visione comune del Bacino Adriatico-Ionico per uno sviluppo sostenibile  e coerente con le realtà socio economiche di tutti i territori coinvolti.

“Vedo con piacere- ha detto il Presidente Iorio- che il discorso che abbiamo iniziato nel 2004 a Termoli sta avendo in parallelo una serie di iniziative a livello di Governi nazionali e della Ue. Siamo giunti, finalmente, alla vigilia di quella che dovrà essere un’importante tappa di questo percorso e cioè la decisione del Consiglio europeo di dicembre di dare mandato alla Commissione di elaborare una strategia che nel 2014 possa vedere, con la Presidenza italiana, la sua definitiva approvazione. La presenza oggi a questo incontro di esponenti apicali di Autonomie locali, funzionali, di Governi regionali, di rappresentanti degli Stati e di un Commissario europeo, evidenzia come questa idea partita da lontano sia ormai giunta ad una buona maturazione. D’altro canto la “Strategia Adriatica”, una volta attuata, sarà l’unica vera iniziativa di coesione transnazionale del Mediterraneo e quindi del sud Europa. Ciò consentirà di spostare nei fatti l’attenzione della Ue al bacino Mediterraneo ed, in particolare, a quello Adriatico-Ionico e, quindi, alle sue potenzialità in termini di propulsione di nuova crescita e di uno sviluppo sostenibile da cui scaturisca nuovo benessere e nuove possibilità di crescita culturale, sociale e commerciale”. Il Presidente Iorio, poi, ha voluto ricordare quanto importante sia, in una logica di bacino, compiere delle scelte per quanto riguarda il futuro comune, in un territorio molto ampio e che coinvolge milioni di abitanti, nel campo dell’energia, della sua sostenibilità dal punto di vista ambientale, ma anche delle politiche della pesca o delle infrastrutture, nonché del turismo e di ogni altra forma di iniziativa di interscambio.

Ultime Notizie