Pubblicato: sabato 02 novembre, 2019 - Tempo di lettura: 2 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese B&B, Rino Morelli (Confidustria): “Ancora un provvedimento regionale che penalizza gli albergatori! Ora basta!”

Il consiglio regionale ha approvato la proposta di legge n. 20 attraverso la quale si aumenta il numero di posti letto per Bed&Breakfast nei piccoli comuni. Si tratta – afferma Rino Morelli – dell’ennesimo provvedimento a favore della microricettività che penalizza, lo ribadisco, noi albergatori. Qualcuno dovrebbe spiegarmi perché questo governo regionale ritiene opportuno continuare a incentivare il segmento dei B&b, degli alberghi diffusi, del turismo rurale e degli agriturismi, danneggiando quello degli alberghi. A mio avviso, l’aumento dell’offerta turistica su un territorio fa bene a tutti gli operatori del settore – la concorrenza stimola l’economia! – ma l’incentivo pubblico ad hoc o una legislazione che favorisce uno solo di queste tipologie distorce il libero mercato degli operatori turistici impegnati, ciascuno con risorse proprie, in uno dei segmenti suddetti. Perchè, in un paese sotto i 5mila abitanti, si favorisce la creazione di posti letto nei B&B presenti in loco e non si pensa di far qualcosa per la struttura alberghiera che opera nello stesso paese o in alcuni casi è in difficoltà? Non è un esempio teorico, questa è realtà! In molti piccoli Comuni esistono strutture alberghiere di tutto rispetto che devono subire la concorrenza di queste strutture alternative, che peraltro, per definizione non sviluppano occupazione!  In occasione di feste o ricorrenze, come è stato giustamente evidenziato da Di Lucente, quando uno di questi piccoli paesi si riempie di visitatori, c’è bisogno di offrire posti letto e ospitalità per rispondere ad un’esigenza reale. Ma, da qui a scegliere di aumentare con una legge i posti letto in una struttura dedicata alla microricettività, senza nulla fare nello stesso tempo per strutture diverse, ma ugualmente presenti in loco, c’è una bella differenza! O si agevola tutti, ossia si creano i presupposti di sviluppo per il settore turistico, oppure non si creano vantaggi solo per alcuni. La politica, lo ripeto, dovrebbe intervenire sulle potenzialità turistiche del territorio rendendolo visibile e riconoscibile all’esterno, lavorando per destagionalizzare i flussi turistici e incentivarli rendendo il contesto “Molise” attrattivo, almeno come le regioni limitrofe. Mi aspetterei, quindi, interventi legislativi di più alto calibro e di più ampia portata, affinché il turismo possa diventare un vero driver di sviluppo anche qui da noi”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi