Pubblicato: lunedì 21 ottobre, 2019 - Tempo di lettura: 2 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese #Ioleggoperché, al via la raccolta libri per la biblioteca dell’Andrea d’Isernia

Domani, 22 ottobre, presso l’Istituto San Giovanni Bosco, Polo di Via Umbria, la Scuola secondaria di primo grado “ Andrea d’Isernia” in collaborazione con la Libreria Enzo Della Corte, in seguito al gemellaggio con la stessa per l’Iniziativa di carattere nazionale #ioleggoperchè, ci sarà un flasmob degli alunni delle classi prime dedicato al grande scrittore Gianni Rodari.
#ioleggoperché è la più grande iniziativa nazionale di promozione della lettura: si tratta di una raccolta di libri a sostegno delle biblioteche scolastiche organizzata dall’Associazione Italiana Editori. Dal 19 al 27 ottobre possiamo recarci tutti in libreria, scegliere uno o più libri da donare alle biblioteche scolastiche e la cosa bella è che alla fine della raccolta gli editori si impegneranno a raddoppiare il numero dei libri donati. Tra i libri e con i libri perchè leggendo si apprende la grammatica della vita. Questo è il tema , la parola chiave che ci induce a riscrivere il nostro presente e quello delle future generazioni. Il nostro ospite oggi è Gianni Rodari ” il favoloso”. Leggeremo dalle sue opere più significative ” Le avventure di cipollino”, ” C’era DUE VOLTE IL BARONE LAMBERTO, Fiabe lunghe un sorriso. Gli alunni in un lungo cerchio che può durare una vita descriveranno le loro emozioni , quelle forti ripetendo a gran voce ” E’ difficile fare le cose difficili: parlare al sordo, mostrare la rosa al cieco. Bambini, imparate a fare cose difficili, dare una mano al cieco, cantare per il sordo, liberare gli schiavi che si credono liberi” perchè così Rodari affrontava i grandi problemi del mondo , come la pace, l’uguaglianza, la democrazia, la solidarietà, l’attenzione verso i poveri e gli sfruttati, lo sviluppo dei popoli e la loro integrazione, la giustizia, la libertà, il progresso, le scoperte scientifiche, la dignità del lavoro, una profonda avversione verso gli egoismi, la capacità di coltivare l’utopia. Campane che suonano contro la guerra, Giovannino Perdigiorno che arriva nel paese con l’esse davanti dove il cannone diventa scannone e disfa la guerra in un mondo dove si ha sempre più bisogno di pace. E allora immagini, ritratti che colgano la Bellezza nelle sue manifestazioni più immaginifiche che diventano il passaporto per entrare nel cuore e nella mente dei ragazzi , investire nella loro fantasia che solo la lettura sa dare. Questi gli spunti più attivi che nella parte di questa giornata che vogliamo dedicare a Gianni Rodari che con la sua Grammatica ha disegnato un mondo nuovo per grandi e piccini. Dunque slogan e manifesti che investiranno i locali della nostra scuola per arrivare nella Libreria Enzo Della Corte di Isernia, poco distante dalla scuola, ed attivare una catena perchè come dice Rodari in una sua poesia” Fu cambiato l’ordine degli anelli, ma la catena rimase una catena.” da Catena di Gianni Rodari.
Si invita a seguire il contest nell’evento FACEBOOK “ Contest#ioleggo “ La grammatica delle parole”

(Marilena Ferrante)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi