Pubblicato: mercoledì 11 settembre, 2019 - Tempo di lettura: 2 min.

Tassa rifiuti alle stelle a Campobasso e Isernia. Confcommercio: la pressione fiscale frena lo sviluppo delle imprese

La pressione fiscale continua a rappresentare elemento di freno per il rilancio dell’economia, sia a livello nazionale che locale. Le tasse incidono pesantemente non solo sui bilanci delle famiglie ma anche su quelli delle imprese. E in Molise, dove la situazione è già particolarmente difficile, la pressione fiscale si fa sentire ancora di più. Un dato, questo già tristemente noto e che trova conferma nelle cifre diffuse dall’Osservatorio tasse locali di Confcommercio, sulla base dello studio condotto da OpenCivitas, promosso dal Dipartimento delle Finanze per determinare i fabbisogni standard delle amministrazioni locali.

In particolare, la Tari, la tassa sui rifiuti, è sempre più cara in Molise, anche a causa delle inefficienze di gestione da parte dei Comuni e frena lo sviluppo delle imprese, rappresentando un peso insostenibile. Dallo studio, riferito al 2018, emerge che Campobasso e Isernia, non raggiungono la sufficienza per quanto riguarda la qualità dei servizi erogati. In particolare, il capoluogo di regione registra uno scostamento del 24%, pari ad 1 milione 404mila euro, con un valore Tari che ammonta a 7 milioni 147mila euro, rispetto al fabbisogno annuo di poco più di 5 milioni. A Isernia, invece, si registra uno scostamento negativo di 335mila euro. Il tutto mentre a Campobasso è partito il servizio di raccolta differenziata che, secondo le stime della precedente amministrazione comunale guidata dall’allora sindaco Battista, avrebbe dovuto contribuire ad alleggerire le bollette Tari sia a carico delle famiglie che delle imprese.

Secondo Confcommercio la situazione è tale da richiedere provvedimenti urgenti per avviare una profonda revisione dell’intero sistema che rispetti il principio europeo secondo il quale chi inquina paga e che tenga conto delle specificità di determinate attività delle imprese del terziario, prevedendo agevolazioni o esenzioni per le aree che di fatto non producono alcun rifiuto ma che invece continuano a pagare la tassa per intero.

Ma soprattutto, è la conclusione di Confcommercio, va limitata la libertà di cui godono i Comuni di stabilire il costo dei piani finanziari, includendo voci di costo improprie che nulla hanno a che vedere con la determinazione della tassa.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi