Pubblicato: venerdì 09 agosto, 2019 - Tempo di lettura: 2 min.

Crisi di Governo, Matteo Salvini tra i selfie a Termoli non ha dubbi: “Al voto il prima possibile”

L’unica strada possibile è quella delle elezioni. A breve. Matteo Salvini la indica da Termoli dove ha fatto tappa il suo tour estivo sulle spiagge italiane che ha già il sapore di campagna elettorale. La Lega ha presentato una mozione di sfiducia al premier Conte in Senato e il Governo gialloverde con i Cinque stelle ora è in bilico.
“Abbiam fatto – ha affermato il ministero dell’Interno dal lido termolese – una scelta di coerenza, di coraggio. Non so quanti altri partiti al mondo avrebbero rinunciato a sette ministeri perche si rendevano conto che il governo era fermo, che c’erano più no che sì, che si passava il tempo a litigare. La cosa più utile da fare per gli italiani, più trasparente, più dignitosa è di andare a votare prima possibile. Tutti i parlamentari della lega – ha aggiunto – saranno al lavoro da lunedì. Non esiste che qualcuno dica che non si può far lavorare i parlamentari a Ferragosto. I parlamentari alzano il culo e lavorano, se c’è bisogno, anche a Ferragosto”.
Dai piedi del castello alla Cala Sveva selfie, abbracci e musica nella calca tra turisti e bagnanti con uno stile che ha rispecchiato anche altre località e l’immancabile maglietta Milano Marittima – Termoli. Presenti, tra gli altri, il coordinatore Mazzuto, il governatore Toma e amministratori locali. Rispetto alle altre parti politiche Salvini ha evidenziato anche un altro aspetto: “Sarebbe una cosa incredibile, e io ribadisco che per quasi un anno abbiam lavorato bene e non usero mai parole negative nei confronti di Di Maio, nei confronti di Conte con cui per mesi e mesi abbiam lavorato bene e non risponderò agli insulti che mi stanno arrivando da giorni, da settimane perché mi sembrerebbe ingeneroso nei confronti delle tante cose buone che abbiamo fatto. Come in tutte le coppie, tutte le società, può arrivare il momento che, se ti rendi conto che passi più tempo a litigare invece di andare d’accordo, la cosa migliore è salutarsi con rispetto e tornare a dare la parola al popolo italiano”.
Nell’occasione le mamme del Comitato Voglio nascere a Termoli hanno consegnato la raccolta di firme per difendere il punto nascita e l’ospedale evidenziando il ricorso al Consiglio di Stato da parte dei ministeri. Non sono mancate contestazioni con un gruppo che ha esposto striscioni contro le politiche e l’atteggiamento del vicepremier sull’accoglienza.
Ora si aspettano gli sviluppi di una crisi scoppiata in piena estate: “Sarebbe incredibile che ci sono toni simili tra Pd e Cinque Stelle, tra Renzi e Di Maio. Mi auguro che nessuno stia pensando di prendere in giro gli italiani, di tirarla in lungo e di inventarsi un Governo che sarebbe inaccettabile per la democrazia. Dopo questo Governo ci sono solo le elezioni e la Lega è pronta. Prima si fanno e meglio è”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi