Pubblicato: giovedì 14 marzo, 2019 - Tempo di lettura: 2 min.

Isernia. Droga sequestrata ai migranti, la Prefettura: quella struttura non è un centro d’accoglienza

La rissa del 2017

Dalla Prefettura di Isernia riceviamo e pubblichiamo:
“Con riferimento ad alcuni articoli pubblicati, sulla stampa locale, riguardanti il rinvenimento, all’interno di un “centro di accoglienza” per migranti, sito in Isernia, di sostanze stupefacenti detenute ai fini dello spaccio da “ospiti” richiedenti asilo o protezione internazionale, si forniscono, nel doveroso rispetto delle esigenze di indagine da parte delle Autorità preposte, le seguenti, opportune, precisazioni.
La struttura di cui trattasi non è convenzionata con la Prefettura di Isernia e, dunque, non è corretto qualificarla come “Centro di accoglienza”. Come ricordato proprio dalla Stampa (Il Quotidiano del Molise del 12.3.2019), nelle vicinanze della struttura si è verificata, il 28.3.2017, una violenta rissa tra migranti. La Prefettura, a seguito di apposito controllo sul Centro, ha risolto per inadempimento la convenzione con la ditta che lo gestiva. Per effetto della risoluzione, la Prefettura ha disposto, altresì, il trasferimento degli immigrati, che non avevano preso parte alla rissa, presso altre strutture idonee, convenzionate.
Molti dei migranti, tuttavia, non hanno ottemperato al trasferimento sopracitato e nei confronti degli stessi, al termine di una laboriosa procedura, che ha tenuto conto degli esiti di innumerevoli ricorsi giurisdizionali proposti dai migranti avverso il trasferimento di cui trattasi, la Prefettura ha decretato la revoca delle misure di accoglienza.
Sia le revoche dell’accoglienza, sia la risoluzione della convenzione con il gestore sono state impugnate, dagli interessati, rispettivamente innanzi al Tar Molise ed al Tribunale civile di Campobasso.
Le opposizioni giudiziarie sono, al momento, pendenti, in attesa delle decisioni di merito; ma i provvedimenti prefettizi citati, non essendo state accolte, da parte delle Autorità giudiziarie adite, le istanze cautelari di sospensione, sono efficaci e vigenti.
Pertanto, si ribadisce che la struttura dove è stato effettuato l’accertamento non è convenzionata con la Prefettura; i migranti ivi dimoranti non usufruiscono dei servizi di accoglienza e nessun rapporto giuridico e/o convenzione risulta esservi in atto con l’operatore economico che ha la disponibilità dello stabile”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi