Pubblicato: mercoledì 13 marzo, 2019 - Tempo di lettura: 2 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Turismo, Iorio incalza la Giunta regionale e presenta una proposta di legge: “Non servono soluzioni estempoeanee”

DI GIOVANNI MINICOZZI

Il turismo può diventare il motore per lo sviluppo, anche occupazionale, del Molise. Ne è convinto l’ex Presidente della Regione Michele Iorio che ha presentato una proposta di Legge per riorganizzare l’intero settore.

Iorio non nasconde le sue perplessità sul piano strategico del turismo, che prevede un impegno finanziario di oltre 1.300.000 euro, approvato dalla Giunta Regionale.

Proposte e soluzioni estemporanee non sono idonee per rilanciare il settore turistico” – ha detto.

Cosa prevede la sua proposta di legge?

Ho ripreso una nostra proposta della giunta di centrodestra che a fine legislatura presentò questo riordino del sistema turistico, che non fu approvata dal Consiglio regionale. È necessario riprendere un discorso legislativo che riguarda il settore più delicato per lo sviluppo di questa Regione, soprattutto alla luce degli eventi sulla situazione industriale del Molise che mi sembra veramente di estrema difficoltà. Credo che il turismo, che è una risorsa endogena di questa Regione e non sfruttiamo a dovere, ha bisogno di una regolamentazione per legge. La mia proposta prevede, oltre alle competenze della Regione edegli enti local due strutture fondamentali e innovative che sono la DMO e il distretto turistico d’impresa , ovvero la programmazione e l’attuazione dell’attività turistica in Regione“.

Rispetto al piano strategico per il turismo varato dalla giunta regionale, come si inserisce questa proposta di legge?

Questa è una proposta di legge di riordino del sistema e non per la creazione o la nascita di un progetto di sviluppo. Si tratta di dare alla Regione quella stabilita’ legislativa perché ciascuno riconosca i propri ruoli per legge e non per partecipazione o meno ad una conferenza. Per farlo occorre una regolamentazione perché non si può continuare con attività estemporanee”.

La Molise Dati, società in house, come entra in questa proposta di Legge e cosa dovrebbe fare?

“Entra nel distretto turistico d’impresa con una quota limitata perché sarebbe una società di capitale con massimo il 5% da versare. Molise Dati sarà il braccio operativo di tipo tecnologico e innovativo per quanto riguarda anche le capacità stesse di Molise Dati che possono essere ulteriormente sviluppate. Può rendere al sistema del turismo una competenza che può veramente fare il salto di livello anche perché ancora oggi siamo di fronte a strutture del turismo commissariate, sostanzialmente inesistenti e tutto viene lasciato all’ estemporaneita’ del momento“.

Appare evidente che Michele Iorio incalza il Presidente e la Giunta regionale anche sul tema del turismo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi