Pubblicato: martedì 31 Gennaio, 2017 - Tempo di lettura: 3 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Assemblea alla Gam: documento di lavoratori, rsu e sindacati

Riceviamo e pubblichiamo il documento dell’assemblea che si è svolta alla Gam di Bojano a cui hanno preso parte lavoratori, Rsu e sindacati

 

gam-arena-2-e1412084286200I lavoratori della GAM, congiuntamente alle RSU e alle OO.SS., ritengono che  in merito alla vertenza GAM e all’interesse formalizzato da parte del gruppo Amadori – Agricola Vicentina-  per il rilancio della filiera avicola, occorre fare chiarezza rispetto ai seguenti punti:

  1. Si ritiene che a fronte di possibili e ingenti risorse pubbliche a valere sull’area di crisi industriale complessa, fondi regionali ed europei necessari a garantire la ripresa e lo sviluppo della filiera avicola del Molise, l’azienda deve assumere impegni concreti attraverso la presentazione di un piano industriale che  definisca tempi certi per la ripresa di tutte le attività  e la ricollocazione del personale, sottoscrivendo apposito accordo in sede ministeriale congiuntamente alla Regione e al Ministero dello Sviluppo Economico.
  2. Che la Regione svolga per intero un ruolo attivo per evitare tempi lunghi nelle eventuali concessioni e autorizzazioni tecniche e burocratiche ma anche  il dovuto controllo sull’investimento delle risorse , pretendendo certezza sulla piena e stabile rioccupazione di tutto il personale .
  3. Che  per i  280 lavoratori GAM, vanno definiti i tempi per la profilazione e avviate immediatamente percorsi legati al piano  delle politiche attive del lavoro finalizzato al recupero occupazionale (bonus assunzioni,  percorsi volontari di accompagnamento alla pensione o di esodo anticipato incentivato; servizi specialistici; riqualificazione professionale outplacement), così come sempre sostenuto dalla Regione e concordato presso il ministero del lavoro alla presenza del MISE in data 25 novembre 2016 .
  4. Vanno individuati da subito ammortizzatori aggiuntivi a sostegno del reddito dei lavoratori per recuperare il certo disallineamento tra tempi di realizzazione del progetto di rilancio industriale e la fine della cassa integrazione guadagni decretata fino a novembre 2017.

Per queste ragioni l’assemblea dei lavoratori GAM,  da mandato alle RSU e alle OO.SS. di categoria di procedere nell’ottenimento di un quadro complessivo certo che risponda alla necessità  di garantire la ricollocazione per tutti i 280 lavoratori, attraverso la definizione del piano  industriale della società da un lato,  e dall’altro, la piena applicazione delle politiche attive e passive più  volte annunciate dalla Regione . A tal proposito, l’assemblea ritiene non più  rinviabile la corretta e completa  profilazione dei lavoratori e l’individuazione di risorse sufficienti per dare seguito alle promesse avanzate sul fronte sociale. Urge altresì la necessità  di definire la tipologia contrattuale che sarà  applicata ( contratto di lavoro e di inquadramento) escludendo forme di contratto composto esclusivamente da tempi determinati e avventiziato o immaginare di applicare il contratto agricolo universalmente.

Come da sempre sottolineato, pur se il riavvio delle attivitàà  produttive prevede tempi diversi, la tutela occupazionale e di reimpiego deve riguardare tutte le maestranze coinvolte.

Solo attraverso l’impegno di tutti e possibile raggiungere l’obiettivo principale del rilancio produttivo e della ripresa occupazionale, i lavoratori hanno già fatto la propria parte e continueranno a farla, ora tocca agli altri attori della vertenza, a partire dalla societàà ( che deve ancora perfezionare l’acquisto del lotto in questione) , e dalla Regione.

Deve essere sin da ora chiaro a tutti che, l’eventuale mancata definizione positiva della vertenza GAM, non potrà  essere addebitata ai lavoratori e alle organizzazioni sindacali, poichéé  riteniamo che, a fronte degli investimenti pubblici e privati previsti, chiedere la salvaguardia e la  ricollocazione di 280 lavoratori sia basilare e prioritario per noi, per il territorio molisano e per l’istituzione Regione.

Bojano, 31.12.2017

Approvato all’unanimità

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi