Per il secondo anno consecutivo, l’Istituto Comprensivo Molise Altissimo di Carovilli, diretto dalla prof.ssa Maria Rosaria Vecchiarelli, si è classificato al primo posto nella fase provinciale del concorso Piano Scuola Digitale, un’iniziativa del Ministero dell’Istruzione volta a promuovere le buone pratiche di didattica digitale integrata, che si è svolta ieri in diretta streaming. La scelta del vincitore, da parte della giuria, non è stata semplice, considerato l’alto valore e la notevole qualità dei prodotti che hanno partecipato al concorso.

Il lavoro premiato è stato realizzato dai bambini della classe 4^ della Scuola Primaria di Carovilli che, grazie ad una didattica innovativa, basata sull’utilizzo di nuove metodologie, in un ambiente di apprendimento rinnovato e tecnologico, hanno realizzato un’escape room dal titolo “Il librone a righe”. Si tratta di un gioco digitale interattivo che presenta i temi della shoah mediante una introduzione antologica e missioni da portare a termine per fuggire dal campo di concentramento. Per la progettazione e la realizzazione del game sono state utilizzate diverse app che hanno notevolmente potenziato le competenze digitali dei discenti e favorito un approccio a misura di bambino a tematiche importanti e dolorose come quella della persecuzione razziale. Referente della classe è stata l’alunna Flavia Finelli, che è intervenuta durante la diretta e ha illustrato gli obiettivi, i contenuti e le varie fasi del lavoro svolto con un sorriso che ha lasciato trasparire un notevole grado di coinvolgimento e sicurezza nell’esposizione, nonostante la giovane età. Il 18 maggio p.v. l’Istituto Comprensivo Molise Altissimo dovrà cimentarsi nella fase regionale e avrà come antagonista la classe terza della Scuola Secondaria di Primo Grado Petrone di Campobasso.

Potrebbe interessanti anche:

Andrea Greco si scaglia contro Vincenzo Scarano: “Prendo le distanze dalla sua candidatura col centrodestra alle Provinciali”

Vincenzo Scarano, capogruppo di minoranza di “Agnone – Identità e Futuro”…