In Molise l’emergenza da coronavirus sembra essere ormai alle spalle. Nonostante qualche sporadico nuovo caso positivo, la situazione in regione, sul fronte del contagio, sembra essere ormai in discesa, con il numero di pazienti guariti in aumento e con pochissimi nuovi contagi, riferiti per lo più a persone provenienti da altre regioni e rientrate in Molise in queste settimane. Sul fronte dell’economia, la situazione è in lenta ripresa. Siamo entrati nella fase tre, quella caratterizzata da ulteriori aperture di quelle attività che erano rimaste chiuse. E così il presidente della Regione Donato Toma ieri ha firmato una nuova ordinanza, la numero 36 che prevede l’aggiornamento delle linee guida, con ulteriori misure diversificate per le attività, e nuove riaperture.
Da oggi, infatti, riapriranno i battenti le sale giochi, le sale scommesse, bingo, i centri benessere e termali, i centri sociali e le discoteche. Si tratta di attività economiche, produttive e ricreative per le quali era stato deciso di prolungare la chiusura, con conseguenze pesanti dal punto di vista economico per gli operatori e gli addetti dei settori interessati.
Le ultime riaperture consentono la ripresa totale delle attività in Molise. Qualche settimana fa era stata la volta dei parchi gioco, degli stabilimenti balneari, di cinema, piscine, palestre e spettacoli dal vivo.
Si va verso un graduale ritorno alla normalità, ad una quotidianità che per due mesi era rimasta sospesa come in una sorta di limbo. Il peggio insomma sembra essere passato ma la guardia non va abbassata. Sarà necessario ancora continuare a rispettare le regole contro il contagio, tra cui l’uso di mascherine nei luoghi chiusi e distanziamento sociale.

Potrebbe interessanti anche:

Completamento Fresilia a rischio, Sindaci e cittadini protestano e scendono in strada

Un’arteria di collegamento importante quella della Fresilia che, almeno sulla carta,…