Era una vecchia idea del Primario del Pronto Soccorso, Lucio Pastore, ed ora è partita ufficialmente: sono stati creati sei posti letto di Area grigia multidisciplinare al secondo piano dell’ospedale dove si trova il Pronto Soccorso, nei locali in cui c’era il vecchio reparto di Oculistica, trasferito a sua volta nell’ex reparto della Neurofisiopatologia. L’Area grigia era già stata creata da Pastore nel pieno dell’emergenza Covid per evitare sovraffollamenti a rischio contagio per pazienti e operatori del reparto del Pronto Soccorso alle spalle dello stesso reparto. Poi è stata ufficialmente attivata al secondo piano. Il suo scopo è quello di accogliere i pazienti che necessitano di essere ricoverati nei vari reparti. Persone in attesa dell’esito del tampone (circa 20-24 ore) in cui la situazione clinica non presenti sintomi compatibili o sospetti con quelli del coronavirus, evitando così di intasare nel frattempo il Pronto Soccorso. In pratica, si vuole evitare che possibili casi Covid possano tornare a casa o transitare in altri reparti virus free, finendo per contagiare altre persone. Anche in caso di tampone negativo, se i medici dovessero rilevare delle anomalie nel quadro clinico il paziente verrà trattenuto per ulteriori accertamenti per poi essere trasferito nel reparto competente. L’Area grigia è dunque una sorta di zona cuscinetto con finalità provvisoria in fase di emergenza, con posti letto riservati, dove i pazienti vengono curati da personale
infermieristico dedicato e dai medici delle varie Unità operative di competenza. Gli utenti che vi afferiscono fanno riferimento a Ortopedia, Oncologia, Pediatria, Chirurgia e Medicina, reparto tra i più sovraccarichi in termini di posti letto disponibili e di
personale in servizio, con soli 5 medici sui 12 previsti, di cui gli ultimi quattro recentemente andati in pensione o trasferiti.

Potrebbe interessanti anche:

Mascherine non conformi sequestrate quasi due anni fa dalla Finanza in basso Molise, a giudizio impresa che le distribuì

Si sono chiuse le indagini relative all’operazione della Guardia di Finanza che a gi…