Un sessantenne di un paese rientrante nella giurisdizione della Stazione Carabinieri di Carpinone, durante le più rigide restrizioni di movimento imposte dal governo, ha deciso di parcheggiare l’autovettura di fronte alla propria abitazione nel rispetto del codice della strada. Il problema è sorto quando il Sindaco, al fine di garantire la salute pubblica, ha organizzato un servizio di sanificazione con l’emissione di una ordinanza che imponeva, per un giorno determinato, lo sgombro della pubblica via dagli autoveicoli. Quell’uomo, che non aveva alcuna intenzione di spostare l’autovettura, ha disatteso l’ordinanza ben pubblicizzata da diversi giorni. Nel momento in cui è partito il servizio di sanificazione, i grossi mezzi d’opera, non sono riusciti a transitare in quella strada perché ostacolati da quel veicolo in sosta. Gli addetti del servizio di sanificazione ed il personale della polizia locale, hanno provato a convincere l’insofferente proprietario di spostare la macchina e, non riuscendo a risolvere il problema, hanno chiamato il primo cittadino che è corso sul posto. Purtroppo tutti i tentativi sono stati vani tanto che la sanificazione della strada non è stata effettuata ed il Sindaco si è rivolto dai Carabinieri per denunciare il fatto. I militari della Stazione di Carpinone, a conclusione degli accertamenti, hanno deferito quell’uomo all’Autorità Giudiziaria per “interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità”.

Potrebbe interessanti anche:

La casa diventa bazar della droga, arrestato un 40enne a Santa Croce

Avevano creato non pochi sospetti quegli sconosciuti visti girovagare alla periferia di Sa…