“Il Governatore rispetti la volontà dei territori interessati”.E’ quanto dichiarato dall’ex consigliere regionale Antonio Tedeschi in merito al Piano di Toma per riformare gli ospedali. Secondo il politico venafrano l’accordo di confine per l’ospedale Santissimo Rosario non va toccato.

“Con sorpresa – ha spiegato Tedeschi – ho notato che, nonostante le belle parole pronunciate dallo stesso Toma di fronte agli oltre 40 amministratori delle province di Isernia e Caserta che io stesso avevo riunito poco più di un anno fa, non vi sono tracce del progetto di riattivazione dell’ospedale SS. Rosario di Venafro, quello che passa attraverso il raggiungimento di un accordo di confine con la Regione Campania”.

“Per intenderci – ha continuato l’ex consigliere – il progetto che, da Consigliere regionale, ho promosso con l’intento di ripristinare all’interno della struttura venafrana servizi essenziali quali Pronto Soccorso, Rianimazione, Medicina, Chirurgia e Ortopedia e restituire a migliaia di cittadini il proprio punto di riferimento sanitario. Un impegno che, probabilmente, mi è costato molto caro politicamente. Ora scopriamo che nelle mire del presidente Toma ci sarebbe la riconversione del SS. Rosario in presidio per la riabilitazione di III Livello, nonché in una sorta di casa di riposo per anziani. Non è questo il futuro che immaginiamo per lo storico presidio venafrano. E non è questa la volontà del territorio”.

“Toma ne prenda atto – ha detto ancora Antonio Tedeschi – non ostacoli l’accordo di confine. Si impegni, al contrario, a sostenere il lavoro che il Commissario ad acta per la Sanità molisana (cui è affidato il compito della programmazione in quanto il Molise ancora regione in piano di rientro) e la Direzione Generale per la Salute della Regione Campania stanno continuando, con convinzione, a portare avanti con l’intento di ottenere il via libera al progetto da parte del tavolo tecnico romano. Figure con le quali, anche da semplice cittadino, continuo ad interfacciarmi costantemente dimostrando che l’amore per il proprio territorio e per la collettività non è per forza legato a cariche istituzionali”.
“Per Offrire un decoroso futuro al Ss. Rosario le cui sorti, nel piano di Toma, si intrecciano a quelle del Vietri di Larino, per il quale condivido la posizione del Commissario Giustini di trasformare il presidio in Centro Regionale per la cura delle malattie infettive – ha aggiunto Tedeschi – continua ad essere una missione alla quale non ho intenzione di rinunciare, dentro o fuori dal Consiglio regionale. Non posso sottrarmi alla palese volontà espressa dalle amministrazioni comunali interessate in rappresentanza dei propri territori. Non dovrebbero farlo neanche le massime cariche istituzionali regionali, chiamate ad ascoltare e rispettare le esigenze della collettività e – ha concluso – non dei singoli con il rischio, poi, di scivolare in fondo alle classifiche di gradimento dei propri cittadini elettori e fare i salti mortali per tentare di tenere unite le varie anime di una maggioranza lacerata da decisioni individualistiche ed autoreferenziali”.

Potrebbe interessanti anche:

Agnone, calano i positivi al Covid

Sono tornati a scendere i contagi da Covid-19 sul territorio di Agnone. A comunicarlo è st…