Il consiglio della Lnd riunitosi nella giornata di ieri presso il salone del Coni ha stabilito decisioni di una certa caratura: a cominciare dal contributo economico tanto invocato da Sibilia e consistente in dieci milioni di euro. È stato spiegato che la gran parte di questa cifra – si parla di sette milioni di euro – dovrà agevolare le società del mondo dilettantistico a proseguire la propria vita anche il prossimo anno. La parte restante, invece, dovrà servire alla valorizzazione dei giovani che disputano i campionati della lega nazionale dilettanti. Questo il succo di un comunicato emesso dalla lega nazionale dilettanti. Il comunicato non entra nel dettaglio delle modalità di ripartizione delle risorse fra i vari comitati sparsi in tutta Italia, ma va detto che è un segnale da accogliere con favore. Un appello, quello di Sibilia, che è partito fin dagli inizi dell’emergenza da corona virus la cui fondatezza risiedeva proprio nel fatto che la vita di molte società militanti nei campionati minori è comunque condizionata a piccoli contributi che potrebbero non ripresentarsi nell’immediato. Per quanto riguarda le decisioni sportive, va detto che nel campionato di eccellenza di ciascuna regione si è decisa una retrocessione per ogni girone. Mentre nei campionati a scendere, dalla Promozione alla Terza categoria, si è deliberato un blocco delle retrocessioni. Da qui seguirà una ratifica di ogni assemblea delle rispettive regioni: nel campionato di eccellenza molisano retrocede, dunque, soltanto l’Alife, ultimo in classifica. Nel consiglio direttivo di ieri si sono stabilite anche le classi di età dei cosiddetti under: saranno obbligatori sempre quattro undicesimi. Uno nato nel 2000, due nel 2001 e un altro nel 2002.
Torneo di Lega Pro: alle 19:00 di ieri è scaduto il termine per presentare le domande di partecipazione al giro dei play off che inizieranno il prossimo mese. Hanno comunicato la loro assenza: Arezzo, Modena, Piacenza, Pontedera e le due undicesime classificate Vibonese e Pro Patria che sarebbero potute subentrare in luogo della vincente di Coppa Italia.

La giornata di ieri ha riservato importanti indiscrezioni: si dice, infatti, che con grande probabilità la Champions League, subito dopo la disputa delle gare di ritorno degli ottavi di finale, possa procedere ad una final eight per decretare la vincitrice della Coppa. Due italiane impegnate negli ottavi: Juventus – Lione e Barcellona – Napoli che dovrebbero giocarsi nelle sedi rispettive. Mentre la parte restante dovrebbe concentrarsi nello stadio di Lisbona. Lo stesso dovrebbe valere per l’Europa League che vede in lizza ancora Inter e Roma e che dovrebbe concentrare la sua parte conclusiva in un’unica sede neutra in Germania. Il comitato esecutivo dell’uefa deciderà nel merito entro il prossimo diciassette giugno. Uno sguardo alle decisioni governative: con un dpcm in programma entro il venticinque giugno il governo dovrebbe dare il via libera allo sport amatoriale, si parla delle partite a calcetto, e agli sport di contatto. Il placet in questione era atteso per il quindici, ma pare stia per slittare. Dopo l’emergenza da corona virus che, numeri alla mano, è in fase di attenuazione potranno tornare a respirare anche i gestori di strutture sportive che erano ormai chiuse da tre mesi a questa parte.

Potrebbe interessanti anche:

EnergyTime Spike Devils, firma lo schiacciatore Enrico Scarpi

L’Energy Time Spike Devils Campobasso si è assicurata le prestazioni di Enrico Scarpi, sic…