Dopo l’emergenza sanitaria, il Comune di Castropignano riapre le porte al pubblico. Il sindaco Nicola Scapillati fa sapere che è stato ripristinato il regolare afflusso agli uffici comunali, attrezzati con dispositivi di protezione individuale a tutela dell’utenza e degli operatori. L’amministrazione comunale ricorda che, come in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico, è obbligatorio l’uso della mascherina, è vietata ogni forma di assembramento, è obbligatorio rispettare la distanza interpersonale di un metro. Inoltre, si raccomanda di utilizzare i dispositivi di sanificazione delle mani a disposizione dell’utenza. Un graduale rientro alla normalità, dopo oltre due mesi di blocco, che ha portato la Pubblica amministrazione ad adeguarsi velocemente, sperimentando nuove forme di lavoro non in presenza. Modalità che vanno incentivate, a prescindere dalle situazioni emergenziali, investendo sulla tecnologia e formazione.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità, sulle partite iva scede in campo la Fials: “Intervenga il Parlamento”, chiede il sindacato

Il tema delle assunzioni rappresenta la questione centrale del sistema sanitario regionale…