Ieri pomeriggio il Consiglio Federale della Figc ha messo il punto esclamativo in merito a tutti i campionati. Definite le linee guida da seguire in caso di sospensione, dovuta ad emergenza coronavirus, per i tornei che riprendono a pieno ritmo ovvero la serie A e la serie B. Spareggi in Lega Pro, chiusura definitiva nel torneo di Serie D.  

Ai massimi livelli, in caso di stop, si è scelto di disputare prima i playoff e i playout, poi,eventualmente, l’algoritmo, ma senza assegnare lo scudetto. Queste le due soluzioni approvate dal Consiglio Federale per tentare di portare a termine la Serie A, nel caso si dovesse andare incontro ad un nuovo stop dopo la ripartenza del prossimo 20 giugno. In buona sostanza è passata la linea Gravina, per 18 voti a 3. I 3 voti contro sono quelli della Lega di Serie A, che aveva proposto il blocco delle retrocessioni in caso di nuovo stop al campionato. Tutte le altre componenti si sono schierate, compatte, al fianco del presidente federale. Capitolo mercato, definita la data della sessione estiva dal 1° settembre al 5 ottobre. 

Il Monza promosso in serie B

Stesse opzioni di emergenza – prima playoff e playout, poi algoritmo – anche per la Serie B, campionato dove nella prossima stagione parteciperanno anche Monza, Reggina e Vicenza che da ieri pomeriggio sono in festa per il salto di categoria. Al contrario la quarta promossa dalla serie C verrà decisa attraverso i playoff che inizieranno il 1 luglio. Gli spareggi per decretare la quarta promossa in serie B saranno in formula “slim”, gara unica, finale compresa, sempre sul campo della squadra con il coefficiente migliore definito in base a:

  • punti,
  • media punti interna per le restanti gare da giocare in casa,
  • media punti esterna sempre per le restanti gare da giocare fuori casa.                                                                      

La novità è che chi vorrà rinunciare ai play off sarà sanzionato con la sola sconfitta a tavolino. A tal proposito malgrado il contributo previsto dalla Figc per la ripresa delle attività, sembra che 5-6 club sono propensi, almeno ad oggi, a non riattivare la macchina organizzativa e dunque non scendere in campo. Infine i play out, andata 27giugno. Si giocheranno anche nel girone C nonostante il distacco di nove punti in classifica, con la gioia di Bisceglie e Rende che già retrocesse (teoricamente) per lo sbarramento, scenderanno in campo contro Sicula Leonzio e Picerno. Retrocesse le ultime tre, Gozzano, Rimini e Rieti che hanno già annunciato battaglie legali contro la Figc.

Promosso in Lega Pro il Palermo

Passiamo in serie D promosse Campodarsego, Lucchese, Pro Sesto, Mantova, Grosseto, Matelica, Turris, Bitonto e Palermo, mentre sono retrocesse in Eccellenza le ultime quattro di ciascuno dei nove Gironi di Quarta Serie, con 36 compagini che di fatto hanno visto concludersi negativamente la propria stagione. Anche qui come detto nei giorni scorsi 31 società daranno vita a una battaglia legale per evitare la retrocessione. In vista della prossima stagione di Serie D, giovedì 11 giugno alle 13:00, è previsto un nuovo Consiglio della Lega Nazionale Dilettanti, utile per chiarire gli ultimi punti in sospeso.Resta da sciogliere il nodo relativo alla quarta retrocessione nel Girone D (Crema-Sammaurese), da specificare i criteri di ripescaggio dalla D alla C, con Foggia, Campobasso, Savoia, Ostia Mare e Audace Cerignola, tra le più interessate oltre alla ratifica delle promozioni dall’Eccellenza alla Serie D. Inoltre, saranno rese note le date di inizio e di conclusione del prossimo campionato di Quarta Serie. Sul tavolo anche i criteri relativi al numero e alle modalità di impiego degli atleti “Under” che potrebbero essere confermati nella nuova stagione.

Infine chiusa la serie A femminile con Juventus e Fiorentina in Champions, Orobica e Tavagnacco retrocesse, Napoli e Lazio promosse dalla serie B, lo scudetto non è stato quindi assegnato.

Potrebbe interessanti anche:

Cus Molise, grande successo per l’iniziativa “Una schiacciata alla violenza”

E’ stato un successo il triangolare di volley ‘Una schiacciata alla violenza’ che si è svo…