Home Apertura Scuola, la protesta dei sindacati: si è chiuso un anno difficile, manca un progetto per la ripresa delle attività a settembre.
Apertura - Evidenza - Italia - 8 Giugno 2020

Scuola, la protesta dei sindacati: si è chiuso un anno difficile, manca un progetto per la ripresa delle attività a settembre.

“Ripartire insieme, ripartire in sicurezza. Centralità della scuola per far crescere il Paese”. Il mondo della scuola si mobilita sotto questo slogan e lo fa organizzando un sit- in nelle principali città italiane, nella giornata della sospensione delle attività didattiche, nel primo giorno di vacanza per gli studenti. La fine di un incubo per molte famiglie. Lo sciopero è’ stato proclamato da Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda e l’equivalente di una giornata di adesione sarà devoluta in favore della Protezione civile.
Si è dunque appena concluso un anno scolastico difficile, con studenti ed insegnanti impegnati nella didattica a distanza, tra mille difficoltà. Una novità assoluta per il nostro Paese. Ma i sindacati già
guardano con proccupazione alla ripresa delle attività didattiche a settembre. Le prospettive non sono rosee. A Campobasso la manifestazione davanti al palazzo di governo.
Un governo e con essa un ministro, la Azzolina, che a giudizio dei sindacati, hanno dimostrato incapacità nella gestione della fase emergenziale e soprattutto non hanno un progetto in vista della riapertura, in sicurezza, delle scuole. La richiesta è perentoria: maggiori investimenti, assunzione di insegnanti e condizioni in gradi di far rientrare nelle aule studenti e corpo docente in sicurezza.

..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Coronavirus, 6 nuovi positivi su 504 tamponi processati. Scendono i ricoveri e nessuno più in Terapia Intensiva, da registrare anche altri guariti

Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Molise, a fronte di un significativo aumento…