L’emergenza coronavirus ha lasciato conseguenze pesantissime sull’economia. A Campobasso hanno protestano i proprietari delle agenzie viaggi e dei bus turistici, messi letteralmente in ginocchio dal lungo lockdown e dalla restrizioni imposte dal governo centrale per arginare il contagio. In mattinata la manifestazione, con i bus che, suonando i clacson dei bus per le vie de centro, per ritrovarsi, poi, in un’area di servizio. Nel frattempo un sit – in davanti al Consiglio regionale. La richiesta è quella di un sostegno economico da parte della Regione, a cominciare dagli ammortizzatori sociali che non vengono ancora percepiti dai dipendenti in cassa integrazione. Dopo palazzo d’Aimmo la protesta si è spostata davanti alla sede della Giunta regionale, in via Genova.

 

Potrebbe interessanti anche:

Usca, Gravina: da Asrem e commissario i sindaci meritano attenzioni concrete

L’intenzione è quella di portare il caso al tavolo della Conferenza dei Sindaci. Lo …