Home Attualità Macchia d’Isernia. La DR lancia l’F35, il suv di ultima generazione a basse emissioni

Macchia d’Isernia. La DR lancia l’F35, il suv di ultima generazione a basse emissioni

Il nome ricorda quello dei caccia militari, ma in realtà è un suv sportivo nuovo di zecca. Dopo la DR 5.0 lanciata agli inizi di marzo, la casa automobilistica di Macchia d’Isernia si mette alle spalle i mesi del lockdown – tra l’altro impiegati anche per produrre gratuitamente respiratori per la ventilazione assistita – e torna in campo con il secondo SUV della nuova gamma DR, l’F35 per l’appunto. Il design, ispirato al naturale scorrere dell’acqua, esprime una sensazione di forza e dinamismo. Gli interni sono spaziosi e confortevoli. Sono state messe in campo tecnologie avanzate, a partire dal touch da 9 pollici di ultima generazione con connettività smartphone. Disponibile con alimentazione benzina/GPL si distingue per i bassi consumi e le basse emissioni. E proprio questo è uno dei temi trattati in un’intervista al Corriere della Sera, rilasciata dal fondatore della casa automobilistica molisana, Massimo Di Risio. Dopo un excursus sui tempi d’oro – con 15mila immatricolazioni l’anno e l’intuizione di vendere auto nei centri commerciali – oltre che sui momenti bui dopo la mancata acquisizione dell’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese, nell’articolo si evidenziano anche dei risultati confortanti raggiunti l’anno scorso, quando con 4mila immatricolazioni si è registrato un incremento del fatturato del 140%. Ora c’è la nuova sfida del post covid 19. Il settore automobilistico ha subito un duro colpo, è vero, ma per il patron della DR si può ripartire, magari attraverso gli incentivi alla rottamazione che, oltretutto, consentirebbero allo Stato di ottenere diversi vantaggi, in primis ambientali, poiché in Italia – ha commentato di Risio – c’è il parco circolante tra i più vecchi d’Europa. In più otterrebbe vantaggi economici, incassando dal gettito dell’Iva e dalle altre accise, creando al tempo stesso occupazione. Anche nell’indotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Campus Peroni, c’è anche Annaelsa Tartaglione

Annaelsa Tartaglione, insieme alla collega Maria Spena, ha partecipato ieri al Campus Pero…