Home Attualità Campobasso, cittadini preoccupati per possibile installazione di antenna di telefonia mobile in contrada Limiti/San Giovanni
Attualità - Evidenza - 2 Giugno 2020

Campobasso, cittadini preoccupati per possibile installazione di antenna di telefonia mobile in contrada Limiti/San Giovanni

I cittadini della zona di Contrada Limiti/Contrada San Giovanni a Campobasso sono preoccupati dopo che sono circolate notizie su una probabile installazione, in un’area dei popolosi quartieri, di un’antenna o ripetitore per la telefonia mobile. Hanno parlato tra di loro sentendo il bisogno di riunirsi in un comitato per contrastare la paventata possibilità. “Il ripetitore – hanno detto – dovrebbe sorgere in una zona molto popolata e siamo preoccupati per le conseguenze sulla nostra salute”.
I residenti cercano di avere comunque certezze e rassicurazioni. La loro preoccupazione, oltre che legata a eventuali danni ambientali e alla salute, è anche per un potenziale deprezzamento del valore degli immobili della zona, qualora sorgesse un ripetitore per la telefonia Mobile in Contrada Limiti/San Giovanni.
“Non è possibile rimanere inerti e indifferenti – ha detto il consigliere comunale della Lega Alberto Tramontano – L’amministrazione non può consentire uno scempio del genere. Pertanto – ha continuato l’esponente dell’opposizione di centrodestra – è necessario monitorare con urgenza le richieste di installazione e bloccare quelle previste in zone densamente popolate come l’area in questioni. I cittadini che lì vivono – ha detto ancora Tramontano – hanno diritto a non avere un contesto ambientale deturpato e ad avere case che non perdano valore per scelte scriteriate”.
Secondo il consigliere della Lega è indispensabile modificare subito il regolamento comunale in materia di istallazioni che non garantisce che tali impianti possano sorgere all’improvviso a ridosso di abitazioni civili e in zone molto abitate. “E’ anche indispensabile – ha concluso Tramontano – che venga predisposto un piano comunale che preveda l’individuazione di zone idonee a installare antenne e ripetitori, così da garantire chiarezza e sicurezza per i cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Cattedrale di Campobasso, lavori al tetto quasi ultimati. Bregantini: “Speriamo di riaprire la chiesa per i Misteri del prossimo anno”

Era il 20 novembre di due anni fa: alcuni operai che lavoravano sul tetto del teatro Savoi…