Antonio Sorbo

Alla vigilia non sono mancate un po’ di polemiche, ma non hanno affatto scoraggiato l’amministrazione comunale di Venafro. Il sindaco Antonio Sorbo, infatti, ha incontrato il prefetto di Isernia Fernando Guida per firmare il protocollo d’intesa sull’accoglienza dei migranti, aderendo alla rete Sprar. Il primo cittadino ha così motivato le ragioni della scelta dell’ente di piazza Cimorelli: oltre a limitare il numero di presenze (non si andrà oltre le 137), si eviteranno le speculazioni selvagge. Ma l’adesione allo Sprar comporta anche altri vantaggi – ha detto ancora Sorbo -: il Comune diventa infatti protagonista attivo nella gestione dell’accoglienza, promuovendo direttamente i progetti per l’integrazione e l’inclusione sociale ed economica dei richiedenti asilo. Tali progetti possono inoltre creare occupazione. Intanto la Prefettura di Isernia fa sapere che sono stati ammessi al finanziamento i progetti per l’affidamento dei servizi di accoglienza dei richiedenti asilo, attraverso l’adesione alla rete SPRAR, presentati dai comuni di Castel Del Giudice, Pesche e Pescopennataro. “Il Prefetto di Isernia – si legge in una nota dell’Ufficio del Governo – ha espresso al riguardo viva soddisfazione, in quanto l’adesione alla rete Sprar ha il duplice effetto di ridurre l’impatto che l’arrivo dei migranti genera sul territorio, mirando ad una distribuzione sempre più equilibrata e sostenibile tra le diverse realtà locali, in attuazione delle indicazioni contenute nel Piano nazionale di riparto Governo-Anci, nonché di rendere i comuni protagonisti attivi nella gestione dell’accoglienza, favorendo in tal modo i percorsi di integrazione ed inclusione sociale ed economica dei richiedenti asilo. A ciò si aggiunge l’ulteriore vantaggio rappresentato dall’applicazione della cosiddetta “clausola di salvaguardia”, che consentirà agli enti interessati di non essere inseriti nel bando di prossima emanazione da parte della Prefettura per l’affidamento dei servizi di accoglienza”.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità, sulle partite iva scede in campo la Fials: “Intervenga il Parlamento”, chiede il sindacato

Il tema delle assunzioni rappresenta la questione centrale del sistema sanitario regionale…