Pubblicato: venerdì 11 gennaio, 2019 - Tempo di lettura: 1 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Terremoto in Basso Molise, il Governo assegna 3 milioni e 250mila euro per i primi interventi di ricostruzione

Il provvedimento è stato pubblicato sul sito del Governo nazionale. Il Consiglio dei Ministri ha deliberato un ulteriore stanziamento di 3 milioni e 250mila euro per realizzare gli interventi necessari all’indomani degli eventi sismici che hanno colpito i comuni della provincia di Campobasso a dal 16 agosto 2018. Risorse che si aggiungono ai primi due milioni di euro destinati all’emergenza nei centri del Basso Molise interessati dal terremoto. Una misura necessaria per assicurare i fondi nei comuni e delineare il percorso della ricostruzione.

Sono almeno quattrocento le persone fuori casa e accolte da parenti o in autonoma sistemazione. Per l’affitto è stato previsto un contributo e le procedure sono in fase di completamento e la prossima settimana si attende l’elenco definitivo dopo la nuova presentazione delle domande. Diversi gli edifici inagibili, tra strutture pubbliche, chiese e altri fabbricati.

Centosettanta gli sfollati solo nel Comune di Montecilfone. Il sindaco, Franco Pallotta, ha accolto la notizia dei finanziamenti stanziati dal Consiglio dei ministri. “Fondi – ha osservato – che potranno completare le necessità della prima emergenza non coperte dai due milioni già assegnati e – ha aggiunto – potranno essere impegnati per l’avvio della fase della ricostruzione in base agli interventi più urgenti”.

Intanto, continuano sopralluoghi e controlli nei vari Comuni tra i quali ci sono Guglionesi con circa 100 persone fuori casa, Larino con circa ottanta, Guardialfiera, Palata, Acquaviva e altri centri dove sono stati segnalati danni o criticità.

Le popolazioni auspicano tempi brevi di intervento e di velocizzare le procedure evitando ritardi e disagi che pesano ancora sulla ricostruzione del 2002 con tante piccole imprese in ginocchio e cantieri da completare.

E tra le conseguenze degli eventi sismici resta ancora il limite di velocità di cinquanta chilometri orari imposto sui due viadotti della diga del Liscione.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 


Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi