Pubblicato: sabato 15 settembre, 2018 - Tempo di lettura: 2 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Ritardi scuole, d’Apollonio a rapporto da Toma

Se non è un caso politico, poco ci manca.Lo slittamento dell’inizio dell’anno scolastico per gran parte degli scolari di Isernia è finito sotto la lente d’ingrandimento del governatore Toma,che vuole vederci chiaro.Per questo motivo, ha chiameato a rapporto alla Regione il sindaco d’Apollonio.All’incontro hanno partecipato anche l’assessore regionale all’Istruzione,Roberto Di Baggio e un tecnico del comune di Isernia.Un confronto in cui il presidente ha chiesto lumi al sindaco sulla situazione degli istituti scolastici di Isernia.L’attenzione si è incentrata soprattutto sugli interventi chedovranno interessare l’ex centro anziani di via Umbria, chiamato ad ospitare sette classi dell’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII”. Toma vuole capire se,in qualche modo,occorra un interessamento della giunta regionale,magari con un provvedimento straordinario.D’Apollonio,dal canto suo,ribadisce le posizioniassunte negli ultimi giorni,sottolineando il buon operato della sua giunta in materia di sicurezza scolastica.A parlare sono i fatti e,ad oggi,nonostante i disagi legati al trasloco degli istituti,tutti gli studenti che frequentano le scuole comunali di Isernia potranno ben dire di essere ospitati in strutture antisismiche a partire da lunedì, i ritardi e le nuove sistemazioni sono legati essenzialmente alle richieste presentate al comune dai dirigenti scolastici e non sono stati il frutto di un capriccio dell’amministrazione d’Apollonio. L’incontro,inoltre, èservito anche per fare il punto sulla programmazione in materia di edilizia scolastica.Tra scuole costruite ex novo e interventi di ristrutturazione degli edifici storici,l’intento dell’amministrazione d’Apollonio è quello di riportareparte degli alunni nel cuore della città.Intanto il sindaco ha reso noto la redistribuzione degli alunni che,lunedì prossimo,inizieranno regolarmente le lezioni,senza doppi turni.Come già annunciato,quattroclassidell’ex centro anzianisaranno ospitate nei locali della parrocchia San Giuseppe Lavoratore,mentre le altre duenella scuola di San Lazzaro.Infinelecinque auledella “San Pietro Celestino,destinate all’Ex V Settore andranno nel fabbricato di Miranda (le3classi dell’infanzia)e nell’istituto “San Giovanni Bosco”a San Leucio (le2classi della primaria).Nella struttura che si trova di fronte all’acqua solfurea e nell’ex centro anziani i lavori saranno ultimati nel giro di poco tempo.Comunque i ritardi nella partenza dell’anno scolastico, con tutte le polemiche, gli attacchi e le richieste di dimissioni da parte delle minoranze, sicuramente accelereranno il rimpasto delle deleghe nella giunta comunale di Isernia. Una decisione già presa dal sindaco, che rientrerebbe in una più ampia manovra politica, decisa già qualche mese fa da Giacomo d’Apollonio,convinto che,durante il suo mandato,sia necessaria una turnazione delle deleghe assessorili.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi