Pubblicato: lunedì 06 agosto, 2018 - Tempo di lettura: 2 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Rischio sanitario e sicurezza del paziente. Costituito dall’Asrem il Comitato regionale

E’ stato composto dall’Asrem il Centro regionale per la gestione del rischio sanitario e la sicurezza del paziente. L’organismo è formato da personale interno all’Asrem e non comporta costi aggiuntivi per l’Azienda sanitaria. A farne parte sono sette persone e ad esso spetta il monitoraggio sui rischi, gli eventi e il contenzioso in ambito sanitario. Il gruppo di lavoro è chiamato a raccogliere i dati dalle strutture sociosanitarie sia pubbliche che private. Quadro di riferimento delle attività e la legge 24 del 2017 in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie.

L’attività del Comitato tecnico si inserisce in un quadro generale complesso. I recenti e purtroppo tragici eventi di cronaca – primo tra tutti il caso del 47enne di Larino morto per emorragia cerebrale – sono la cartina di tornasole di un sistema sanitario all’interno del quale la componente rischio assume una dimensione preoccupante per l’intero comparto. In particolare, sono le malattie tempo-dipendenti quella ad aver generato maggior allarme sociale. Il senso di insicurezza e precarietà è palpabile tra i cittadini, consapevoli del progressivo smantellamento effettuato sotto la scure e le imposizioni del Tavolo tecnico romano chiamato a vigilare sul piano di rientro dal deficit sanitario.

Una materia esplosiva che nel corso dell’ultimo consiglio regionale si è palesata nel durissimo scontro tra la maggioranza di centrodestra da una parte e le opposizioni dall’altra. In particolare il Movimento 5 Stelle che punta decisamente sulla figura di un esterno nella veste di Commissario ad acta per la Sanità. Di parere contrario la maggioranza che guida la Regione, secondo la quale il Governo centrale dovrebbe assegnare, senza più tentennamenti, il ruolo al Presidente della Regione Toma. Sul piano politico la situazione è ingarbugliata e genera imbarazzo stante la doppia e diversa maggioranza che, da un lato governa la Regione e dall’altra l’Italia. A Roma, è cosa nota, i 5 Stelle stanno lavorando per un Commissario che non sia Toma. C’è da capire in questo contesto cosa farà la Lega, sempre più ago della bilancia politica. Quello della Sanità è però un caso particolare. Ci sono dei rischi evidenti e c’è, fresco di nomina, anche un Comitato chiamato a tenere sotto controllo i dati e l’incidenza. Soprattutto, c’è la necessità di affrontare e risolvere le questioni. A chiederlo è la salute dei cittadini.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi