Pubblicato: giovedì 19 luglio, 2018 - Tempo di lettura: 2 min.

Toma l’ “americano”. Dopo la visita a Napoli per l’Indipendence Day, arriva in Molise la Console Mary Ellen Countryman

Visita ufficiale della console generale degli Stati Uniti a Napoli, Mary Ellen Countryman, che questo pomeriggio è stata accolta a Palazzo Vitale dal presidente della Regione Molise, Donato Toma. Come si ricorderà, lo scorso 3 luglio Toma aveva preso parte a Napoli ai festeggiamenti per il 242esimo anniversario dell’Independence day presso la sede del Consolato generale e la console Countryman ha inteso ricambiare la cortesia ritornando nel Molise per la seconda volta. Lo aveva fatto già nel dicembre del 2016, quando era stata ricevuta a Palazzo San Giorgio dal sindaco Battista e aveva fatto poi un giro per le strade del centro storico di Campobasso.

Cordiale e schietto l’incontro tra Toma e Countryman. Il presidente Toma ha ringraziato la console per l’attaccamento e l’interesse che la diplomatica statunitense nutre nei confronti del Molise e ha posto l’accento sui vincoli forti e stabili che legano i molisani al popolo americano.

«C’è un secondo Molise negli Stati Uniti – ha affermato Toma – sicuramente più grande per dimensione demografica del nostro, che continua da generazioni ad avere legami con la terra d’origine dei loro antenati. Gli Stati Uniti hanno fatto tantissimo per i molisani ed essi hanno saputo meritarsi la fiducia di questo Paese che li ha accolti distinguendosi per onestà, laboriosità, rispetto delle leggi. Ogni anno i discendenti di terza e quarta generazione di questi molisani vengono nel Molise a conoscere i luoghi di origine da cui partirono i loro nonni. Dunque, è importante rinsaldare questo rapporto tra Molise e Stati Uniti e voglio esprimere la mia gratitudine alla console perché la sua visita qui, oggi, va anche in questa direzione».

La console, da parte sua, ha colto l’occasione per rinnovare le congratulazioni al presidente Toma per la sua recente elezione.

«Ho già incontrato il presidente – ha detto Countryman – qualche settimana fa per le celebrazioni dell’Indipendenza americana al Consolato di Napoli. Ho apprezzato molto la sua presenza alla nostra cerimonia e sono molto contenta di avere ricambiato la sua visita oggi».

La console ha poi informato il presidente che quest’anno, per la prima volta, una studentessa molisana, Michelangela Marinelli del Liceo Galanti di Campobasso, parteciperà al programma di scambio Youth Leadership Program, sponsorizzato dal Dipartimento di Stato USA. Michelangela farà parte di un gruppo di studenti italiani, spagnoli e sloveni, che nel mese di agosto trascorreranno tre settimane negli Stati Uniti.
«L’obiettivo del programma – ha spiegato la console – è quello di offrire a questi studenti la possibilità di sperimentare in prima persona la cultura americana, stringere nuove amicizie e confrontarsi su temi di interesse globale. Grazie a questa esperienza, potranno migliorare le loro capacità di leadership e, al loro ritorno, provare a incidere positivamente sul futuro delle loro comunità».

Presidente Regione Molise

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 



Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi