Pubblicato: venerdì 11 maggio, 2018 - Tempo di lettura: 2 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Omicidio di Lucio Niro: il 13 giugno processo di Appello a Napoli

Sono passati dieci anni e tre mesi dall’omicidio di Lucio Niro. Aveva 30 anni quando fu ucciso con un colpo di fucile da caccia, in una stradina tra Santa Croce del Sannio e Morcone, una scorciatoia che stava percorrendo la notte tra il 10 e l1 febbraio del 2008. Tornava a casa, a Baranello, dopo essere stato a Santa Croce, dalla fidanzata che avrebbe dovuto sposare a breve. Aspettavano una bambina. Per quell’omicidio unico imputato Domenico Felice, agricoltore anche lui di Santa Croce del Sannio. Il processo di primo grado si è concluso, nel 2011, con l’assoluzione di Felice, che ora tornerà ad essere giudicato per l’appello. E’ stata infatti fissata la data, a Napoli: il 13 giugno. Dopo sette anni dal primo processo, dopo un’attesa lunga ed estenuante per la madre e il padre di Lucio, per il fratello Giovanni.
«La convocazione ci è stata comunicata nei giorni scorsi, per le ore 9 del 13 giugno – ha detto il legale di Parte Civile Angelo Piunno che rappresenta la Famiglia di Lucio Niro – il processo si svolgerà a Napoli, in Corte d’Assise d’Appello e
La famiglia di Lucio Niro è rappresentata dall’avvocato Angelo Piunno. «Si tratta di un processo indiziario, insieme alla Procura cercheremo di dimostrare la fondatezza dell’accusa, puntando su movente, arma e alibi dell’imputato».
Lo stesso avvocato Piunno ha rimarcato il dolore che ha accompagnato e accompagna ancora i genitori e il fratello di Lucio Niro, in attesa di sapere chi ha premuto quel grilletto. «Sono stati anni drammatici per la famiglia Niro – ha continuato il legale – ora, dopo tanti anni, ci sarà l’Appello, ma è paradossale che ci sia voluto tutto questo tempo per un processo tutto sommato non così difficile, avvenuto in una contrada dove vivono poche persone». Piunno ha quindi fatto un parallelismo con un suo recente processo a Campobasso, che tra primo e secondo grado, Cassazione e rinvio degli atti in Appello, si è concluso in quattro anni. «Poi – ha detto sarcastico – vogliono chiudere la Corte d’Appello in Molise, dove, tutto sommato, le cose funzionano, mentre altrove i tempi sono quelli che si possono constatare, come nel caso del processo per l’omicidio di Lucio Niro».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 



Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi