Pubblicato: lunedì 16 aprile, 2018 - Tempo di lettura: 2 min.

Matteo Salvini a San Giuliano: “Con noi al Governo qui nessun immigrato”

E’ partito da San Giuliano di Puglia il tour in basso Molise del leader della Lega Matteo Salvini, che reduce dalla visita al Vinitaly a Verona, di buon’ora è arrivato al Parco della Memoria dove è stato accolto da una ressa di cameraman e giornalisti. A dare il benvenuto a Salvini i vertici regionali del partito, insieme a Gioanna Astore, segretaria del circolo della Lega di San Giuliano e che nel terremoto del 2002 restò otto ore sotto le macerie, prima di essere salvata dai soccorritori. La giovane coordinatrice, ha introdotto Salvini al monumento alla memoria dei 27 angeli e della loro maestra. Il leader della Lega ha deposto anche una corona di fiori e poi si è soffermato con alcuni cittadini. Una donna, in particolare, si è fatta avanti: “Aiutateci, fate i fatti. I giovani sono tutti senza lavoro, le strade non sono buone neache per i trattori” si è sfogata. Salvini è stato molto disponibile, e ha ascoltato. Poi da qui si è spostato al villaggio provvisorio, una miriade di casette in legno abbandonate e semidistrutte, che hanno accolto gli sfollati dopo il terremoto e che ora nelle intenzioni verranno trasformate in un centro di accoglienza, che potrebbe ospitare fino a 500 immigrati. “Se al governo della regione e della nazione ci sarà la Lega faremo di tutto perché qui non arrivino immigrati” ha dichiarato Salvini, che poi ha fatto un giro tra le casette. “Spendere 3 milioni di euro con la disoccupazione che ha il Molise, dove 4 ragazzi su 10 sono senza lavoro mi sembra una vergogna, un atto di razzismo nei confronti dei molisani e degli italiani. Accogliere le poche persone che scappano dalla guerra sarà sacro ma mettere a disposizione centinaia di migliaia di posti letto da chi non scappa dalla guerra ma a chi la guerra ce la sta portando a casa è una follia”.
Lavoro, strade, ospedali e sicurezza, queste le promesse della Lega e del centro destra per il Molise. “Promettiamo poco perché quello che promettiamo poi lo realizziamo. Lavoro vuol dire difendere l’agricoltura, sistemare le strade per permettere alla gente di lavorare, di vendere, di andare a curarsi, di andare a scuola. Non vediamo l’ora che arrivi domenica per un segnale di orgoglio, mi sono già impegnato a tornare qui in Molise subito dopo il voto. Cinque anni di buon senso e di buon governo”.
E su come sono viste queste elezioni a Roma ha risposto così: “C’è a chi fanno paura. Il centrosinistra non si vede più anche se ha governato per cinque anni. Il movimento 5 Stelle non può dire sempre ‘no’, per governare bisogna essere onesti e capaci, la Lega ovunque ha governato è stata rieletta, basta vedere invece le buche che stanno a Roma, dove ci sono i Cinque Stelle, fanno a gara con quelle del Molise” ha concluso Salvini.
….

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 



Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi