Pubblicato: lunedì 16 aprile, 2018 - Tempo di lettura: 2 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Giunta regionale, la rappresentanza di genere sia un impegno preciso del nuovo Presidente

La legislatura regionale che sta volgendo al termine è stata caratterizzata, tra le tante cose e le molte inadempienze, dal mancato rispetto di un principio di cardine del nostro ordinamento: quello della rappresentanza di genere. Un principio di civiltà, prima ancora che giuridico, attraverso il quale si garantisce all’interno delle Istituzioni una rappresentanza adeguata ad entrambi i sessi. La questione, volgarmente derubricata al tema “quote rosa”, assume ancora più importanza in vista dell’imminente rinnovo del Consiglio regionale e della elezione del nuovo presidente del Molise. Con la nuova legge elettorale, la n. 20 dello scorso 5 dicembre 2017, è stata introdotta una norma ben precisa, quella che limita al 60% la presenza massima di uno dei due generi all’interno delle liste che concorrono alla elezione del nuovo Consiglio regionale. Vi è quindi la garanzia che almeno un 40% sia riservato all’altro sesso. Tra le liste che sono attualmente impegnate nella competizione del 22 aprile, il principio è stato in larga parte rispettato con una presenza bilanciata di entrambi i generi.

Il tema che invece si porrà al nuovo presidente di Regione, è meno aritmetico e certamente più politico, ovvero prevedere nella prossima Giunta regionale una composizione che rappresenti in maniera adeguata il genere femminile e quello maschile. La passata amministrazione, non è un mistero, non si è mai data molta preoccupazione di affrontare la questione, tanto è vero che in cinque anni, nella Giunta Frattura, di assessori donna non si è vista traccia. Adesso, ci auguriamo che chiunque sia il nuovo presidente non imiti le orme del suo predecessore e assicuri al prossimo governo regionale nella misura in cui crede, ma la assicuri, la rappresentanza di genere. Un mondo solo al maschile, non solo è un mondo brutto ma è anche un mondo stupido, privo di quel contributo straordinario e determinante che le donne, senza alcuna quota, riescono a dare in ogni ambito della società.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise - reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001- Editoria: Editoria Innovazioni Sviluppo srl - via San Giovanni in Golfo ZI - P.IVA 01576640708
Editorialista: Pasquale Di Bello - Direttore responsabile: Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi