Pubblicato: martedì 14 novembre, 2017 - Tempo di lettura: 2 min.

Migranti a San Giuliano di Puglia, Di Giacomo: “Il Prefetto di Campobasso non incontra 5 sindaci del cratere, è grave”

 

Ieri la manifestazione davanti alla Prefettura a Campobasso dei sindaci di Santa Croce di Magliano, Rotello, Bonefro, Colletorto e Montelongo e un gruppo di cittadini di quelle comunità che dicono ‘no’, in particolare, al Centro di accoglienza per i rimpatri volontari a San Giuliano di Puglia, no, comunque, all’utilizzo del villaggio per i migranti. Ne dovrebbero arrivare 250 in attesa di essere rimpatriati. S’, invece, è stato detto ai centri Sprar. Nessun incontro è avvenuto tra il Prefetto Maria Guia Federico e la delegazione, che non è stata ricevuta. “C’è preoccupazione – hanno detto i sindaci – perchè in Italia i rimpatri non funzionano e soprattutto perché il territorio non è pronto a un assetto del genere, almeno a queste condizioni. Siamo pronti a trasferire la nostra protesta a Roma abbiamo chiesto un incontro con il ministro dell’Interno, Marco Minniti, vorremmo essere ascoltati”.

L’indisponibilità manifestata ieri dal prefetto di Campobasso a incontrare i sindaci in rappresentanza della comunità del cratere – ha sottolineato il senatore Ulisse Di Giacomo – e’ di una gravità inaudita. Significa che lo Stato – ha continuato – si rifiuta di ascoltare le ragioni dei suoi cittadini in merito ad un problema di primaria importanza. Chiederò un incontro al Prefetto e sarò onorato se vorranno accompagnarmi i sindaci e gli amministratori locali di quel territorio. In alternativa – ha concluso Ulisse Di giacomo – presenterò una interrogazione urgente al Ministro dell’Interno sui fatti accaduti”.

Intanto anche L’Anci Molise associazione dei comuni, si schiera con i cinque primi cittadini ribadendo che è poco opportuno l’insediamento di un Centro Hub nella zona del cratere, dove non esisterebbero minimamente le condizioni per un inserimento degli ospiti nel tessuto economico e sociale.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese

“Mi renderò promotore di una mozione in Consiglio regionale per dare voce alle richieste degli abitanti di quell’area” ha annunciato il consigliere regionale di direzione Italia Michele Iorio. “Il Molise è la prima regione in Italia in termini di accoglienza, ma il problema immigrazione, che ormai rischia di trasformarsi in vero e proprio dramma sociale, non interessa al nostro governo regionale. La regola dovrebbe essere quella della distribuzione degli immigrati clandestini in base al criterio della popolazione e della disponibilità di integrazione, a sua volta derivante dalle percentuali di disoccupazione e sviluppo. Oggi – ha proseguito Iorio – la scelta di insediare un centro di accoglienza Cara Hub per gli immigrati nell’ex villaggio di San Giuliano di Puglia è assurda e dannosa per l’intera comunità che, al contrario, dopo il sisma del 2002 e dopo gli sforzi profusi per il rilancio del territorio e dell’economia, andrebbe incentivata a investire sul futuro e non indirizzata a fuggire a causa di decisioni scellerate”. Per questi motivi Iorio chiederà di sospendere ogni decisione di insediare il centro Hub nell’ex villaggio di San Giuliano di Puglia “per indirizzarlo – ha concluso – verso un progetto più aderente allo sviluppo del territorio e della società locale, come già previsto in passato”.

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise, reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001 - Editore E.I.S. srl – via San Giovanni in Golfo Z.I. 86100 Campobasso – P.IVA 01576640708
Editorialista Pasquale Di Bello - Direttore responsabile Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi