Pubblicato: martedì 22 agosto, 2017 - Tempo di lettura: 2 min.

Sanità, pronto il nuovo contratto (retroattivo) per i privati. Adottato a giugno 2017, vale da gennaio 2016

di PASQUALE DI BELLO

Decifrare gli atti del Presidente Frattura è diventata un’impresa sempre più difficile. Specie se ad operare è in veste di Commissario ad acta per la Sanità. In questo caso occorre un’esperienza robusta sul campo e una laurea specialistica in scienze occulte. Prendiamo l’ultimo caso emerso dalla montagna di scartoffie che sta uccidendo la sanità molisana. Lo scorso 29 giugno, col decreto commissariale n. 38, Paolo di Laura Frattura ha adottato il contratto per l’acquisto delle prestazioni sanitarie dai soggetti privati accreditati. Un atto che riguarda innanzitutto le due principali strutture operanti sul territorio: l’Istituto Neuromed di Pozzilli e la Fondazione Giovanni Paolo II, ovvero la ex Cattolica. Il documento, articolato e complesso, presenta tuttavia delle macroscopiche anomalie e incongruenze a partire dalla sua efficazia retroattiva. Adottato a giugno del 2017, dispiega tuttavia la sua efficacia a partire da gennaio 2016. Ma non è tanto questa la singolarità, essendo nei limiti di legge e della volontà delle parti poter ratificare atti e fatti già prodotti. Quello che salta agli occhi è altro e, precisamente, il limite invalicabile del budget annuale, ovvero la contropartita assegnata dalla Regione a ciascun operatore privato. Un principio condivisibile ma che è stato ampiamente disatteso dalla Regione Molise. Non è un mistero infatti che, solo per quel che riguarda Neuromed e Cattolica, nei mesi scorsi, ed in particolare proprio nel corso del 2016, siano stati erogati dalla Regione circa 80 milioni per prestazioni extrabudget riferite agli anni passati e per altre oggetto di contestazione da parte degli uffici regionali. E’ stato questo uno dei principali regali – si fa per dire – fatto ai molisani dalla coppia Frattura – D’Innocenzo, l’ex direttore generale della Salute della Regione Molise. Sulla vicenda pende davanti al Tar Molise un presentato dal Codacons, curato dagli avvocati Massimo Romano e Giuseppe Ruta, che verrà discusso nel merito davanti ai giudici amministrativi il prossimo dicembre.

Sarà interessante capire in quella circostanza quale sia stato il principio logico che ha ispirato Frattura, laddove da un lato blocca la spesa nei limiti di budget e, dall’altro, apre i cordoni della borsa. Da veri palombari dell’orrore, i nostri governanti regionali sono abituati ad esporare abissi tali dove fanno sparire agli occhi dei comuni mortali ogni nefandezza. Ma questo, in fondo, è il loro mestire: quello di stare, come dice padre Dante, in chiesa coi santi e in taverna con i ghiottoni.

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Il Giornale del Molise, reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001 - Editore E.I.S. srl – via San Giovanni in Golfo Z.I. 86100 Campobasso – P.IVA 01576640708
Editorialista Pasquale Di Bello - Direttore responsabile Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi