Pubblicato: giovedì 23 marzo, 2017 - Tempo di lettura: 3 min.

Interfibra - Internet veloce + chiamate illimitate a partire da 9  al mese Carresi 2017, arriva la svolta: parere positivo dal Ministero della Salute. Le manifestazioni si svolgeranno integralmente e sugli storici percorsi

di PASQUALE DI BELLO

La notizia è clamorosa ed è ufficiale: le Carresi 2017 si celebreranno regolarmente e integralmente sugli storici percorsi. Il pericolo di manifestazioni mutilate è stato definitivamente superato. La notizia arriva direttamente dal Ministero della Salute e riguarda le Carresi del basso Molise, manifestazioni secolari che una serie di norme e ordinanze male interpretate avevano esposto al rischio di estinzione. L’ultima delle prescrizioni, quella che fino a qualche ora fa aveva bloccato l’edizione 2017 delle manifestazioni di San Martino in Pensilis, Portocannone e Ururi, è stata definitivamente superata attraverso un parere del Ministero rilasciato in data odierna.

L’integrazione all’ordinanza Martini – quella che ha dato il via ad una serie di vincoli – disposta lo scorso 3 agosto 2016 ha disposto il divieto dei cavalli purosangue inglesi nelle manifestazioni che prevedono corse di velocità dei cavalli. Unica deroga, in tal senso, era predisporre percorsi aventi caratteristiche analoghe a quelle degli impianti da corsa autorizzati dal ministero. In pratica, la disposizione sanciva la fine della Carresi, non essendo possible trasformare gli storici percorsi in altrettanti ippodromi. Su questo versante, da tempo si parlava di soluzioni di retroguardia e che, sostanzialmente, portavano a snaturare le rispettive manifestazioni. A San Martino in Pensilis, patria della Carrese, la manifestazione da secoli si svolge su un doppio tratto: sterrato nella prima parte e asfaltato nella seconda. La soluzione pasticciata verso la quale ci si era indirizzati, era quella di percorrere solo il primo tratto. Una soluzione che avrebbe impedito la partecipazione popolare, rappresentata dal transito dei Carri nel percorso interno al paese.

Il parere rilasciato dal Ministero della Salute, e firmato dal capo dell’Ufficio legislativo, avvocato Mauro Borgo, restituisce a tre comunità e a tre storie la loro piena dignità.

Questo, testuali parole, il parere: “La manifestazione Carrese, come rappresentato nel parere formulato dalla Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci di questo Ministero – elaborato sulla base del parere tecnico del Centro di referenza Nazionale del Benessere Animale dell’istituto zooprofilattico di Brescia – consiste in una corsa trainata da buoi, in cui i cavalli sono montati solo al fine di supportare e di indirizzare i buoi e il carro stesso e, pertanto, non sono utilizzati in una corsa di pura velocità assimilabile alle corse in piano al galoppo”

Questa la conclusione del Ministero della Salute che ha elaborato il parere di concerto con quello delle Politiche Agricole: “Tanto premesso, alla luce delle caratteristiche con le quali si svolge la corsa dei carri nell’ambito della manifestazione in esame, che non consiste in una corsa di velocità di cavalli, non sembra trovare applicazione, al caso di specie, la norma sopra richiamata sul divieto di utilizzo di cavalli puro sangue inglese, fermo restando che, rientrando, la stessa esibizione, nel novero delle manifestazioni pubbliche nelle quali vengono comunque utilizzati equidi, dovranno essere, in ogni caso, garantiti, per la legittimità del suo svolgimento, i requisiti di sicurezza e di benessere animale, previsti dalla disciplina in materia”.

Ad attivare il Ministero e ad attivarsi concretamente affinché la morte annunciata delle Carresi venisse sventata, è stato il senatore Ulisse Di Giacomo, unico, davanti ad una classe politica nazionale e regionale che rispetto alla vicenda è a dir poco inqualificabile, ad aver affrontato con la giusta determinazione una vicenda che riguarda la storia e l’identità di migliaia di cittadini.

Parere Ministero Carresi

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tags html: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
Il Giornale del Molise, reg. Tribunale di Campobasso n. 269 del 11/10/2001 - Editore E.I.S. srl – via San Giovanni in Golfo Z.I. 86100 Campobasso – P.IVA 01576640708
Editorialista Pasquale Di Bello - Direttore responsabile Manuela Petescia

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi